Buona sera! oggi è Martedì 26 Gennaio 2021 ore 19 : 25 - Visite 821320 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00008»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: GUIDO DA TODI
TITOLO: COME POTRAI UNIRTI AL TUO DILETTO GURU.
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Come potrai unirti al tuo diletto Guru: di Guido Da Todi

Vi è molta incertezza nel mondo soggettivo dell’uomo, quando egli cerca di
affrontare concetti come il monismo dell’essere, la non separazione, l’amore
e la dedizione al Guru, la visione impersonale di Dio e quella personale.

Tale incertezza nasce in lui, non appena si fa spazio nel proprio intimo l’ orizzonte di una mutazione del proprio io: quella che prelude l’ illuminazione sull’essenza delle cose.
Che cosa lo attende dei suoi sforzi sul sentiero e della sua costante ricerca della verità?
Egli di sicuro non lo sa, in assoluto, se non come riferimento mentale a delle indicazioni che legge sui libri, o che gli vengono date da amici “più avanzati”.
Intuisce che sta sopravvenendo per tutta l’umanità una liberazione dai vincoli della materia; uno stato di equilibrio stabile e magico, in cui vi sarà un’immensa padronanza delle energie cosmiche.
Certamente, egli è convinto che quello stato è di grazia; e che la felicità comune assurgerà a fasi indicibili ed incomprensibili a mente umana.
Tralasceremo, per il momento, di occuparci degli obiettivi che riguardano il futuro relativamente prossimo dell’umanità per analizzare, invece, una chiave di volta tradizionale della ricerca sul sentiero: il Guru.
È consuetudine largamente accettata che l’umanità, lungo le epoche, abbia ricevuto un dono costante alla sua evoluzione: quello di Anime Superiori che ne abbiano guidato il cammino di sofferenza e di conoscenza.
Come da un arazzo dorato che faccia da sfondo alla storia, emergono figure che sono riuscite ad ammorbidire la tensione delle catene a cui l’uomo era legato: Buddha, Krishna, Gesù, Babaji, Sai Baba, Lahiri Mahasaya.
Ma, dal fatto, è nato anche un ripetuto fenomeno di maya, o di illusione mentale.
L’approccio dello spiritualista a tali Presenze stabili nel pianeta (anche se unite a lui con parametri di natura metafisica) è vibrante di sentimenti illogici, di emozionalità, di un sottile, o potente fanatismo; cose, tutte, che gli impediscono un maggiore utilizzo dell’incalcolabile potenziale di gioia, libertà e unione che gli deriverebbe altrimenti. La natura stessa provvede a vincolare le infinite scaglie dell’unità dell’ essere con la legge olistica.
Questo lo sta cominciando a provare la fisica moderna; e lo afferma perentoriamente la dottrina dell’esoterismo illuminato.
Non esiste un dagli altri, nell’universo. E scopo di ogni scienza e di ogni filosofia è appunto quello di rivelare l’ ancora enigmatica connessione che salda ogni apparente diversità.
Con l’identificazione del tempo e dello spazio in una nuova formula spirituale monistica si penetra in una dimensione di vita equiparabile a quella che si evidenziò quando dal sistema euclideo si entrò nella realtà einsteniana.
Il fenomeno, allora, avviene automaticamente e senza sforzo.
I limiti di ogni individualità (situazionale, o umana) iniziano a mostrare successivi, interminabili aspetti ben identificabili della propria natura.
Le impronte di espansione espressiva che le essenze della vita lasciano ovunque le si osservi in manifestazione vengono riconosciute come ulteriori aspetti, sottili o massicci, del loro io; aspetti non diversi dal immaginario che sembrava esserne il baricentro.
In tal modo è un’affermazione squisitamente magica, ad esempio, dire che un nostro caro trapassato vive sempre con noi, anche se la sua e la nostra coscienza non ne sono ancora consapevoli.
Ogni oggetto caro a lui/lei, che rimane nella nostra casa, conterrà un lembo del suo io, a chi sappia penetrare nel monismo olistico di cui parliamo; conterrà, se vogliamo spingere più arditamente innanzi la verità che stiamo analizzando, tutto il suo io.
Ma anche il pensiero è materia sottile. Quindi, solo il pensare alla dimensione che fa da ad ogni altra, alla dimensione dell’ unità soggiacente alle cose, ci salda, di conseguenza, a tutto ciò che esiste.
Il coraggio dell’attuale ricercatore si dimostra nell’iniziare a sperimentare il senso di vero e di esperienza riscontrabile che emana - prima come aspetto radiante, poi come identificazione totale - dalla dimensione che stiamo indicando.
Per colui che avrà abbandonato la consuetudine a vivere nella sua precedente e potente illusione mentale della separazione tra tempo e spazio, tra materia ed energia, tra monismo e dualismo, tra prima e poi inizierà, allora, la realizzazione dell’.
Ogni frammento dell’essere gli si mostrerà, in assoluto, come unione diretta all’interezza della vita; gli si mostrerà come la Vita Una.
Sotto tale prospettiva riusciamo, quindi, a valutare le immense, nuove possibilità che abbiamo di una fusione reale con il Guru da noi amato.
Buddha, Krishna, Gesù, Babaji, Sai Baba, Lahiri Mahasaya non sono scomparsi dallo scenario della vita; né, ci continuano a indurre ad indicibili e sofferti sforzi per rapire un briciolo della loro lontana e trascorsa presenza, nella sfera della nostra individualità.
Secondo la legge dell’unità delle cose - se realizzata nel nostro cuore - il Guru che il karma ed il dharma di ognuno ci ha spinto a privilegiare come la nostra Guida personale è presente .
Un fenomeno di stupenda e misteriosofica realtà che, d’altronde, ogni Avatar ha inteso, sempre, indicare all’uomo, prima della sua dal mondo delle forme.
La è quella nuova possibilità di scoperte e di gioia irrefrenabile che dovrà venire sviluppata dall’Uomo della Nuova Era, nell’ ambito delle qualità divine che stanno da lui emergendo.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore