Buon giorno! oggi è Martedì 19 Ottobre 2021 ore 2 : 28 - Visite 974769 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00061»

CLASSIFICAZIONE: 1
TIPOLOGIA: ESOTERISMO
AUTORE: GIUSEPPE BUFALO
TITOLO: HELENA PETROVNA BLAVATSKY: LA SFINGE DEL XIX SECOLO
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

HELENA PETROVNA BLAVATSKY

La Sfinge del XIX secolo

(di Giuseppe Bufalo)

-

Da ogni parte, ormai, si parla sempre più insistentemente di New Age o Nuova
Era : sui giornali, in televisione, nelle librerie, in convegni e seminari;
inoltre, sorgono quasi ogni giorno, in tutto il mondo, nuovi movimenti
spirituali che fanno riferimento alla filosofia New Age.

Gran parte della gente ha sentito parlare di questa nuova corrente che va
espandendosi; l'Era dell'Acquario (chiamata anche New Age) ha occupato il
posto dell'Era dei Pesci, intorno all'anno 1975, ed è proprio in quel
periodo che sono iniziati i primi cambiamenti rilevanti a livello di Ricerca
Interiore che, con il passare del tempo, diventano maggiormente visibili;
tutto questo coadiuvato dalle energie planetarie altamente spirituali che
continuano a riversarsi sul nostro pianeta, a differenza di quelle
precedenti che erano maggiormente materialistiche. Per l'evoluzione dell'
umanità è necessario che tutto questo avvenga in questo preciso periodo.

Ma più di un secolo fa, una donna Ucraina, di nome Helena Petrovna
Blavatsky, aveva precorso i tempi e preparato l'avvento dell'apparizione di
questi fenomeni: il 17 novembre 1875 fondava a New York la Società
Teosofica.

Sotto il potere dello Zar, H.P.Blavatsky venne alla luce il 31 luglio 1831,
a Ekaterinoslav, in Ucraina, da padre tedesco, il colonnello Van Hahn,
discendente dall'antica nobiltà germanica e da madre russa, Hélèn Fadeef,
imparentata alla casa imperiale e anch'ella di antica e nobile discendenza.

A diciassette anni, nel 1848, sposò il vecchio generale Blavatsky, dal quale
prese il cognome, che conservò fino alla morte.

Il matrimonio, come tutti gli avvenimenti della sua vita, fu pieno di colpi
di scena, e dopo soli tre mesi le cose volsero al peggio; dopo l'ennesima
lite, Helena lasciò precipitosamente la casa del marito per non farvi più
ritorno.

Quando il suo proposito fu evidente e la sua determinazione ancora di più,
il padre l'aiutò ad intraprendere la vita di pellegrinaggio, che inizio a
partire da quel periodo per poi far ritorno in Russia solo dopo 10 anni, nel
1858, da dove, dopo una breve sosta, riprese i suoi viaggi di ricerca.

Intraprese una serie interminabile di viaggi intorno alla terra che la
portarono ad arricchire in maniera unica il suo spirito ardente. Più di 20
anni di esperienze e ricerca interiore nel mondo, fin nei luoghi più
reconditi, dove vivono stregoni e sciamani, ma, anche, di incontri con
autentici Maestri Spirituali, determinarono il resto della sua vita.

La sua prima tappa fu Costantinopoli, ma fu in Egitto che si verificò l'
incontro che cambiò la direzione della sua vita: conobbe un vecchio Copto,
che le impartì l'iniziazione all'arte magico/esoterica. Consecutivamente, il
suo pellegrinaggio la portò in America, in Canada, in Messico e poi in
India, per poi fare ritorno negli Stati Uniti nel 1853.

Quando nel 1858 ritornò a casa, i suoi familiari ed i numerosi conoscenti ed
amici, furono testimoni delle manifestazioni straordinarie dei suoi poteri,
che, fino ad allora, erano rimasti latenti. Ella stessa riferì che quello fu
per lei un periodo in cui lasciò libero corso alle sue forze psichiche e
imparò a comprenderle e controllarle perfettamente.

Ripartì poi, ripresa dal suo spirito avventuroso, per cercare e trovare
uomini e donne che condividessero con lei la fondazione di un nuovo grande
movimento filosofico ed etico che intendeva creare più avanti.

Finalmente, il 17 novembre 1875, fondò, insieme al colonnello Henry S.Olcott
e a William Q.Judge, la Società Teosofica, con lo scopo dichiarato di
formare un nucleo di Fratellanza Universale, di studio delle religioni e
scienze antiche e di investigare sulle leggi occulte della natura e sui
poteri latenti dell'uomo.

Lo scopo della sua esistenza era anche quello di scuotere gli uomini e le
donne e cercare di liberarli dalle catene forgiate dal clero per asservirli,
cercando di condividere la sua conoscenza nella speranza che ognuno
comprendesse di essere Dio interiormente senza continuare a cercarlo fuori
con dogmi e superstizioni.

Spiegò che ogni uomo deve portare il peso delle sue azioni e che nessuno può
farlo al suo posto ed è proprio per questo che riportò dall'Oriente le
antiche dottrine del Karma e della Reincarnazione.

Si scontrò per questo con la critica dei dogmi ortodossi del XIX secolo
(sociali, scientifici e religiosi), che dividevano, più che unire l'umanità,
e forse nessuna donna dell'epoca è stata più ostinatamente messa in cattiva
luce, calunniata e diffamata come H.P.Blavatsky.

Ancora oggi, persone che non hanno mai letta una riga da lei scritta
rimangono fermamente convinti che quelle calunnie fossero appropriate. In
ogni caso, bastano le sue idee e i suoi propositi per smentire i suoi
detrattori.

La sua vita, dopo il 1875, trascorse in un infaticabile sforzo per
coinvolgere nella Società Teosofica tutti coloro che volevano lavorare con
altruismo per la propagazione di un etica tendente alla realizzazione della
Fratellanza Umana cercando l'unità e non la separatività tra tutti gli
esseri.

Tutto questo anche per dare ad ognuno la possibilità di sviluppare i poteri
latenti interiori e pervenire alla cooperazione con l'intera natura.

Ella, in ogni caso, si è sempre definita un tramite dei Grandi Maestri, che
si sono serviti di lei per portare a conoscenza dell'umanità quell'antica
Saggezza chiamata Teosofia, cercando di abbattere tutte le barriere che
limitano l'evoluzione umana.

H.P.Blavatsky passò al di là del velo il giorno 8 maggio 1891, lo stesso
giorno che nel 487 a.C. Gautama Buddha, l'Illuminato, fece la stessa
esperienza. Quel giorno è festeggiato dai Buddhisti, così come dai Teosofi
ed è chiamato il Giorno della Festa del Loto Bianco.

Uno dei tre scopi fondamentali sul quale la Teosofia si basa è :
"Incoraggiare lo studio comparato delle religioni, filosofie e scienze."
Tutto questo perché il teosofo ritiene che ognuno abbia il diritto di
percorrere la strada a lui più congeniale e che in ogni via è nascosta l'
Essenza Originale Divina o Saggezza Divina, preferendo studiare le diverse
religioni anziché condannarle, praticarle anziché farne proselitismo. La
loro meta è la Verità ed Essa non può essere ritenuta come possesso
esclusivo di nessuno.

Sulla Ricerca Interiore Olistica aperta verso tutte le direzioni e senza
esclusione alcuna si fonda il pensiero filosofico della New Age, la stessa
idea possiamo riscontrarla in un altro punto fondamentale della Teosofia, e
cioè:

"Formare un nucleo di Fratellanza Universale dell'umanità, senza distinzioni
di razze, credo, sesso, casta e colore."

Promuovere uno spirito di unità ed armonia malgrado tutte le diversità nelle
credenze che alcune volte si contrappongono è la meta della Teosofia. Nella
New Age, così come nella Teosofia, troviamo l'Oriente e l'Occidente che si
fondono in un incontro illuminante per entrambi. Dal messaggio del Cristo a
quello del Buddha incontriamo l'Amore per il prossimo, la Tolleranza, il
Karma e la reincarnazione, tanti tasselli che insieme con altri formano la
Verità Unica.

Possiamo sicuramente affermare senza paura di smentite che nessun
occidentale abbia fatto più di H.P.Blavatsky e dei suoi soci fondatori, per
portare in occidente la Luce dei tesori del pensiero, della saggezza, della
filosofia e della spiritualità orientali, da sempre nascosti.

Dopo aver letto le sue maggiori opere (La Dottrina Segreta, Iside Svelata,
La chiave della Teosofia) diventa evidente ad ognuno la profonda conoscenza
dell'esoterismo orientale, cosa che la portava spesso là dove solo pochi
Iniziati riuscivano a seguirla, ma nello stesso tempo riuscendo a comunicare
le sue conoscenze adattandole a tutti coloro che desideravano approfondirle.

La meditazione, lo yoga, il pranayama, il reiki, la pranoterapia, la
cristalloterapia, i fiori di Bach, l'aromaterapia, lo sciamanesimo, l'
allineamento dei chakra e dei corpi sottili, i viaggi fuori dal corpo, le
energie, il rivedere le vite passate, ecc. non sono forse tutti argomenti
che possiamo annoverare nel terzo scopo della Teosofia? E cioè:

"Investigare le Leggi inesplicate della natura e dei poteri latenti dell'
uomo".

Madame Blavatsky, circa un secolo fa, affermò che i frutti più cospicui del
suo lavoro si sarebbero notati col tempo nel secolo successivo al suo. Che
sia anche la New Age uno dei frutti cui lei si riferiva?

Certamente l'enorme ventata di spiritualità e di ricerca interiore, che, da
un po' di tempo, sta investendo il nostro pianeta lo lascia supporre,
lasciando meravigliati tutti coloro che notano questi fermenti senza darsene
una spiegazione, ma chi ha avuto la "fortuna" di conoscere la Teosofia e il
messaggio di Helena Petrovna Blavatsky si aspettava tutto questo già da
molto tempo.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore