Buon giorno! oggi è Domenica 5 Dicembre 2021 ore 6 : 27 - Visite 1014859 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00149»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: REDAZIONE TRICYCLE
TITOLO: PREGHIERA E GUARIGIONE: LA FORZA DELLE PAROLE
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Preghiera e guarigione: la forza delle parole

(di Redazione Tricycle)

Traduzione: Gagan Daniele Pietrini

--

In Medicina Transpersonale, il dr. Larry Dossey cita numerosi studi
scientifici sull'efficacia della preghiera. Oggi esistono prove mediche a
sostegno della tesi secondo cui la preghiera favorisce il processo di
guarigione. Inoltre, alcuni studi documentano i risultati positivi della
preghiera tibetana come strumento di intercessione.

Il dr. Dossey ha scritto otto libri, tra cui 'Il potere curativo della
preghiera', ed è direttore esecutivo della rivista "Alternative Therapies in
Health and Medicine". Oggi il dr. Dossey vive a Santa Fe, nel New Mexico. È
stato direttore del personale alla Humana Medical City Dallas e
co-presidente della Tavola Rotonda degli interventi sul corpo/mente,
dell'Ufficio
di medicina alternativa e complementare e dell'Istituto Nazionale della
Sanità.

--

Tricycle: Qual è la tua definizione di preghiera?

Larry Dossey: La mia definizione è molto vasta. La preghiera è la
comunicazione con l'Assoluto. Tale definizione non scontenta nessuno, e ci
spinge a precisare cosa intendiamo con comunicazione e Assoluto
(quest'ultimo
può prendere la forma di un Dio personale o meno).

Tricycle: Quando preghi, c'è un oggetto?

Larry Dossey: No. Offro la mia preghiera all'Assoluto nel modo più generale
immaginabile. Ironicamente, questa è la forma più personale che la mia
preghiera può assumere.

Tricycle: Cosa intendi con "Assoluto"?

Larry Dossey: L'Assoluto è indefinibile, ineffabile, inarticolabile e non
specificabile. Se attribuisci delle qualità all'Assoluto, per definizione
determini una qualità che non esiste. Niente è esterno all'Assoluto,
altrimenti non sarebbe Assoluto. Per cui, quando prego, non voglio definire
ciò verso cui prego, perché questo limiterebbe l'Assoluto. Ci sono delle
cose in cui è meglio non intromettersi.

Tricycle: In che modo ritieni efficace una preghiera se non esiste una
divinità?

Larry Dossey: Non credo che, affinché una preghiera sia efficace, occorra
una divinità, così come questa è concepita nel mondo occidentale.
Semplicemente, prego: "Avvenga la cosa migliore. Sia fatta la tua volontà".
Oppure: "Accada il risultato migliore". Non ho bisogno di rivolgere queste
preghiere a un'immagine di Dio. Naturalmente, nella nostra cultura la
maggior parte delle persone ha un'altra opinione. Ho avuto l'opportunità di
discutere con migliaia di americani sulla loro idea di preghiera. La maggior
parte delle persone sembra credere che la preghiera consista nel parlare a
una sorta di cosmica figura paterna, bianca e di sesso maschile, che è
irascibile e preferisce che la gente le si rivolga in inglese. Per me,
questa è idolatria e spudorato antropocentrismo.

Tricycle: Il buddismo zen ci mette in guardia contro la tendenza delle
parole a celare la vera natura dell'illuminazione. Tu come vedi il contrasto
tra gli insegnamenti sul silenzio e l'articolazione della preghiera?

Larry Dossey: L'essenza della preghiera va al di là dell'articolazione,
delle parole. L'idea del Vuoto è preziosa. È qui che c'è l'azione. Mi sento
molto più a mio agio con il silenzio. Adoro i commenti di Padre Thomas
Merton, cui una volta fu chiesto: «Come preghi?», e la risposta fu:
«Respirando». Secondo me, questo ci fa capire che nelle conoscenze
esoteriche di molte religioni si onora il Vuoto, o il Grande Silenzio.
Finora, le prove dimostrano che nessuna strategia detiene un monopolio.
Virtualmente, ogni modello di preghiera esaminato raggiunge risultati. Forme
molto specifiche di preghiera articolata, finalizzate a risultati precisi,
sono efficaci, così come l'entrare nel Vuoto, nel silenzio, senza chiedere
assolutamente nulla. Questo mette in crisi le nostre idee secondo cui esiste
un modo di pregare migliore degli altri. Sto parlando di circa duecento
studi che analizzano la capacità di persone che pregano di influenzare vari
soggetti, inclusi gli esseri umani, gli animali, le piante e persino i
microrganismi. Questi studi scientifici sono stati pubblicati su vari
giornali, negli ultimi tre decenni.

Tricycle: Nel tuo nuovo libro, citi molti studi sull'uso della preghiera
negli ospedali: Mt. Sinai, Duke, Boston's Deaconess Hospital. Quale dei
recenti studi sulla preghiera ti ha più impressionato?

Larry Dossey: I miei studi preferiti sono quelli che riguardano tutto ciò
che non è umano, perché è possibile farli con precisione fanatica. Per
esempio, questi studi analizzano l'effetto della preghiera sui tassi di
crescita dei batteri e delle piante, oltre che sui tumori negli animali.
Alcuni di questi studi riguardano specifiche reazioni biochimiche. Ci sono
dei ricercatori, in Francia e nell'Università del Tennessee, che hanno
inibito la crescita dei funghi in capsule di petri usando la preghiera a
distanza anche di 25 chilometri. All'università di St. Joseph, a
Philadelphia, la gente usava la preghiera tanto per inibire quanto per
stimolare la crescita dei batteri in provetta, in un periodo di ventiquattro
ore. Questa è la parte più interessante negli studi sulla preghiera. Ma,
ovviamente, la maggior parte delle persone sono più interessate all'effetto
della preghiera al livello umano.

Tricycle: Nel 1998, il Mantra Study Project fu condotto dal dr. Mitchell
Krocoff nell'ospedale Duke, e ha analizzato l'uso di cinque terapie noetiche
(tra cui la preghiera), nell'ambito di uno studio su 150 pazienti di
cardiologia. Quelli nel gruppo di preghiera hanno mostrato una riduzione dal
50 al 100 per cento degli effetti indesiderati dell'angioplastica e del
cateterismo cardiaco rispetto al gruppo di terapia standard, senza la
preghiera. Cristiani, monache carmelitane, battisti, moravi, ebrei e monaci
tibetani hanno pregato per questi pazienti da luoghi lontani come il Nepal.
Perché sono state usate queste diverse tradizioni, e cosa è stato detto agli
oranti riguardo le persone per le quali stavano pregando?

Larry Dossey: I critici talvolta affermano che i ricercatori che studiano la
preghiera hanno un intento segreto, cioè fare pubblicità al loro credo
religioso. Il progetto Mantra ha eliminato questa obiezione facendo ricorso
alla preghiera di intercessione di molti gruppi religiosi. E ciò impedisce a
qualsiasi religione di rivendicare meriti. I nomi delle persone del gruppo
di preghiera sono stati detti alle sorelle carmelitane di Baltimore e sono
stati inviati per e-mail o telefono ai monaci buddisti del monastero Kopan,
nel Nepal, e del monastero Malanda, in Francia. Nei monasteri buddisti, i
partecipanti hanno seguito le istruzioni di Lama Zopa Rinpoche e hanno
praticato le cerimonie del Buddha della Medicina con il nome di ciascun
paziente. Il nome dei pazienti è stato inserito anche nel sito web della
Gerusalemme Virtuale, i cui gestori hanno messo preghiere scritte nelle
fessure del Muro Occidentale di Gerusalemme. Poi essi sono stati mandati
alla Silent Unity, che è un gruppo cristiano interconfessionale di
preghiera, nel Missouri, ai battisti, ai moravi e alle congregazioni della
Chiesa della Vita Abbondante nel North Carolina. Tutti questi gruppi hanno
pregato collettivamente per i pazienti, con la frequenza e la durata solite
per loro. In tal modo, è impossibile accusare i ricercatori di fare
pubblicità a una religione particolare.

Tricycle: Secondo lo studio, i pazienti non sapevano che si stava pregando
per loro. Quale pensi che sia stato l'elemento chiave che ha reso efficaci
le preghiere?

Larry Dossey: La mia opinione è che il ruolo centrale dell'amore e della
compassione sia il fattore più importante alla base del successo della
preghiera, in generale e in questo studio.

Tricycle: In un articolo di Glenn Mullin sulla preghiera si dice: "La
preghiera nel buddismo. diventa una pratica buddista solo quando è
accompagnata dalla consapevolezza della natura vuota dei tre circoli: la
persona orante, la preghiera stessa e l'atto di pregare". Cosa rispondi
all'affermazione
che non esiste un valore o uno status intrinseco alla preghiera?

Larry Dossey: Sono d'accordo al mille per cento. Anche se qualcuno
analizzasse diversamente la preghiera buddista, dovremmo sempre fare i conti
con gli studi che mostrano, semplicemente, che la preghiera buddista fa
effetto. Quindi, per quanto noi si possa sezionare ed esaminare la preghiera
buddista, le prove mostrano che è efficace.

Tricycle: Secondo te, dove sono dirette le preghiere?

Larry Dossey: Credo che la consapevolezza in generale, e la preghiera in
particolare, siano non-locali. Cioè, la mente non è localizzata, o confinata
nel corpo, ma si estende all'esterno di esso. Ciò implica che la
consapevolezza e la preghiera sono infiniti nello spazio e nel tempo. Se
qualcosa è infinito nello spazio, vuol dire che è onnipresente. Ciò implica
che le preghiere non si dirigono da nessuna parte: infatti, essendo
onnipresenti, sono già là. La stessa analogia si applica al tempo. Se
qualcosa è non-locale nel tempo, è presente ovunque in quest'ultimo, ed è
quindi eterno e senza tempo. Dunque, non esiste direzionalità nella
preghiera, né nello spazio né nel tempo. Ciò ovviamente è in contrasto con
la concezione occidentale della preghiera, secondo cui essa viene inviata al
Divino e da questi deviata verso l'oggetto della preghiera. Quindi, possiamo
affermare che il modo occidentale di pregare tende a essere altamente
locale, mentre la preghiera buddista è non-locale.

Tricycle: Nel tuo libro, affermi di chiedere frequentemente ai laici perché
pregano. Perché preghi, tu?

Larry Dossey: È la mia natura. Esiste un detto cinese: "Un uccello non canta
perché sta cercando una risposta. Canta perché ha un canto". Quando prego,
sto semplicemente intonando il mio canto.

E ora, finché dura lo spazio,
Finché esistono esseri da scoprire,
Possa io allo stesso modo continuare a vivere
Per lenire le sofferenze di coloro che vivono.

Shantideva, Bodhisattva-caryavatara 10:55

-

(Tradotto dal Gruppo di traduzioni Padmakara in A Flash of Lightning in the
Dark of Night (Shambala, 1994).])

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore