Buon giorno! oggi è Domenica 22 Settembre 2019 ore 10 : 23 - Visite 574924 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00159»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: SWAMI KRIYANANDA
TITOLO: LA LEGGE DEL KARMA: DA "LA VIA INDUISTA AL RISVEGLIO"
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

La legge del karma

(da "La via induista al risveglio"
- di Swami Kriyananda)


Il karma è una legge che determina il naturale livello di evoluzione di una
persona, così come la sua posizione nella società. Il karma è una legge
universale e si accompagna alla legge della reincarnazione. Il karma non è,
come erroneamente si crede, un insegnamento sulla punizione divina per gli
errori commessi. Piuttosto, è semplicemente una legge di causa ed effetto,
che opera a livelli ben più sottili di quelli governati dalle leggi della
fisica, sebbene comprenda anche queste ultime. Il karma abbraccia ogni
azione, ogni pensiero, ogni sentimento nell'universo. Il karma fa sì che un
individuo attiri a sé qualsiasi vibrazione di energia abbia in precedenza
proiettato.

I fisici moderni ci hanno resi consapevoli dei principi karmici che si
applicano ai livelli materiali: il principio per cui il simile attrae il
simile, ad esempio, o quello per cui ogni azione determina una reazione
uguale e contraria. Karma è anche il magnetismo generato da qualsiasi tipo
di energia noi emaniamo.

Poiché tutte le nostre azioni e tutti i nostri desideri sono legati alla
coscienza dell'ego, l'energia che essi generano ruota, come un vortice,
attorno al pensiero: «Io sono; io voglio; io sono colui che agisce; io sono
colui che possiede; io sono colui che ne risente». Questo vortice di energia
si colloca nella spina dorsale ad un determinato livello di «gravità
specifica», a seconda che sia rozzamente materialistico, generoso o
spiritualmente elevato. Quando abbiamo l'opportunità di realizzare un
desiderio o quando si presenta «l'effetto boomerang» delle nostre azioni,
l'energia
contenuta in quel vortice viene liberata e attrae all'ego le sue naturali
conseguenze.

Non è possibile «consumare» il proprio karma, come molti immaginano,
attraverso la semplice attività. Il negoziante che cerca di scusare la
propria mancanza di obiettivi spirituali con la spiegazione: «Io sono un
karma yogi» (colui che cerca l'illuminazione attraverso il sentiero del
servizio disinteressato), sta ingannando se stesso. In realtà, egli è
semplicemente un «karmi» (colui che è immerso nell'attività motivata
dall'ego).
Il karma viene bruciato con la giusta azione e, ancor meglio, offrendo gli
impulsi sepolti nel subconscio all'influenza liberatrice della
supercoscienza. Anche se la maggior parte delle persone non può giungere
deliberatamente a questo fine, poiché non sa nulla dei propri impulsi
subconsci, è possibile liberarsi dal karma generando nella spina dorsale un
flusso di energia e di devozione che sale fino al cervello, e chiedendo, e
ricevendo, un flusso di Grazia dall'alto. . . .

Il karma determina le circostanze della vita di un individuo. A seconda
dell'energia
generata dal suo modo di vivere passato, egli attrae la buona o la cattiva
«sorte» (come forse sceglierà di chiamarla): squallore o ricchezza, buona o
cattiva salute, circostanze distruttive o armoniose. L'attrazione karmica
può far sì che egli viva in una casupola di contadini, nella residenza di un
mercante ricco ma egoista, nel palazzo di un governante benevolo o nella
semplice dimora di sinceri aspiranti spirituali. Egli stesso ha determinato
quelle circostanze esteriori.

Questo processo, comunque, non è affatto semplice e chiaro. La nostra
nascita in una casa di mercanti, ad esempio, potrebbe essere dovuta
all'amore
che sia noi che loro nutriamo per i luoghi di pace, e non a una natura
mercantile.

Noi stessi, qualunque sia la nostra nascita, determiniamo in qualche misura
ciò che faremo in questa vita. Il giovane contadino può, col duro lavoro,
diventare un fattore. Se il karma - suo e degli altri - lo permette, potrà
anche diventare un governante, un santo o uno yogi. Ma se le nuvole del suo
karma passato oscurano la sua forza di volontà, egli potrebbe non sentire
neppure il desiderio di elevarsi al primo livello, cioè quello del fattore.

L'uomo, unico tra tutti gli abitanti della Terra, ha il libero arbitrio di
elevarsi spiritualmente con i propri sforzi. È questa la ragione per cui gli
insegnamenti dell'Induismo attribuiscono un'importanza così rilevante
all'iniziativa
personale.

--



Per molte vite ho bevuto alla coppa delle risa;
Nessuno potrebbe descrivere le delizie che ho conosciuto.

Le stelle nell'infinito cielo,
Se si potessero contare sarebbero miliardi,
Innumerevoli, quanto gli anni che ho vagato lontano da Te.
Per molte vite ho bevuto alla coppa del dolore;
Nessuno potrebbe descrivere le amare lacrime che ho versato.

Le gocce nel mare infinito,
Se si potessero contare sarebbero miliardi,
Innumerevoli, quanto gli anni che ho vagato lontano da Te.
Per infinite vite ho cercato la Tua coppa di dolcezza;
Altre ne ho trovate, ma ero ancor più assetato.

I ruscelli sulle colline del tempo,
Tutti trovarono la loro via nel deserto.
Ogni giornata di fulgida soddisfazione
In poche ore si dissolse nell'oscurità della sera.

Anelo a Te d'estate e d'inverno;
Giorno e notte di te solo il mio cuore è assetato.
Ho compreso che le più dolci canzoni
che il mio orecchio abbia mai ascoltato
non erano altro che l'eco di Te.

Signore, colmami completamente,
Poichè mai più mi allontanerò da Te.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore