Buon giorno! oggi è Domenica 15 Dicembre 2019 ore 7 : 37 - Visite 621439 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00397»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ITSUO TSUDA
TITOLO: IL KATSUGEN UNDO
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Il Katsugen Undo ( lett. movimento che rinnova la vita alla sua origine) é
stato introdotto in Europa dal sig. Itsuo Tsuda, che ne ha tradotto il
nome con " movi-mento rigeneratore ". Questo fa parte del Seitai,
filosofia medica e tecnica di riaggiustamento posturale che combina varie
tecniche orientali ed occidentali creata dal Maestro Haruchika Noguchi.
Secondo Noguchi la sola realtà concreta é l'individuo e non l'essere
umano, astrazione ideologica o giuridica. L'individuo é un'unità che non
é possibile dividere dualisticamente in anima da una parte e corpo
dall'altra. Un individuo differisce dagli altri nel suo modo di muoversi,
di gestire, di sedersi o stare eretto oltre che per inclinazioni,
carattere, convinzioni, maniere di esprimersi, sensibilità etc.
Data l'individualità di ciascuno, non può esserci un movimento uniforme
applicabile a tutti : i movimenti saranno tanti quanti sono gli individui.
Le cause della differenza vanno ricercate anche nella fatica derivante dal
lavoro e nelle abitudini acquisite che possono imprimere all'organismo
dei segni che alla lunga rischiano di snaturare l'armonia di insieme, ma
che essendo sopraggiunte dopo la nascita possono essere riaggiustate dal
risveglio dell'organismo. Ovviamente ci sono anche disequilibri
patologici capaci di suscitare reazioni diverse.
Il katsugen undo é in grado di addolcire tutte queste asperità, così
fastidiose nella vita quotidiana,, ma per quanti progressi si possono fare
nella normalizzazione del terreno, non si arriverà a cancellare la
tendenza congenita fondamentale dell'individuo detta " taiheki ".
Durante la pratica del movimento rigeneratore si sospende
momentaneamente il sistema volontario tramite una serie di semplici
esercizi tesi alla decompressione del sistema psicofisico e ci si
abbandona semplicemente.
Ciò che provocherà il movimento é il bisogno del nostro organismo che
normalmente rimane soffocato dai numerosi fattori che compongono la
nostra attività.
In questo senso non siamo noi ad eseguire il movimento volontariamente
come una normale tecnica appresa bensì é esso che si manifesta
spontaneamente. Praticato nel modo giusto cioè senza esagerare
intenzionalmente le manifestazioni, il movimento rigeneratore normalizza
il funzionamento dell'organismo e via via non differirà dalle risposte
naturali dell'organismo che tutti già conoscono tese al ristabilimento di
quell'omeostasi e saggezza del corpo innata quali lo sbadigliare,
starnutire, rabbrividire, agitarsi durante il sonno etc. La pratica del
movimento é insomma secondo la prospettiva data da Noguchi l'allenamento
del sistema motorio extrapiramidale.
Tramite la pratica costante e regolare del katsugen undo la respirazione a
poco a poco penetra attraverso la barriera del diaframma verso il basso
ventre e finiremo per avere un punto di appoggio sempre più stabile
sull'hara (ventre) accanto ad una ritrovata mobilità del koshi ( parte
dorsale dell'hara, formata dai lombi e dal bacino).
Altro aspetto di fondamentale importanza nella pratica del katsugen é la
"respirazione attraverso le mani " o Yuki. Questo é un concetto che
spesso respinge chi cerca di avvicinarsi al movimento rigeneratore e la
difficoltà deriva dalla vastità del concetto di respirazione e di Qi per
gli orientali. " In realtà si può respirare attraverso gli occhi, i piedi,
qualsiasi parte del corpo. Si può perfino respirare attraverso la punta di
un bastone come faceva il Maestro M.Ueshiba o attraverso il pennello
come nella calligrafia cinese. " ( Itsuo Tsuda).
Durante le sedute di pratica si chiede semplicemente ai praticanti di
visualizzare come se ciò fosse possibile e dopo un certo periodo di tempo
( più o meno lungo, a secondo dei casi) si cominciano effettivamente a
provare sensazioni nuove come ad esempio formicolio, pulsazioni, calore
ed in generale una ritrovata sensibilità.
L'attitudine necessaria alla pratica del Katsugen é difficilmente
inquadrabile nei termini usuali in Occidente, di scopi e finalità,
proponendosi com'é tipico delle forme Orientali ed in particolar modo
giapponesi " senza scopo ". Al di là degli indubbi effetti terapeutici del
movimento rigeneratore, spesso soprendenti, la suddetta attitudine é una
condizione a priori per la sua pratica che richiede, affinche il movimento
avvenga, una situazione di " vuoto " e di osservazione dei movimenti del
proprio corpo libera da suggestioni e condizionamenti immaginari e che,
soprattutto non va intesa in alcun modo come una sorta di liberazione
psico- emotiva o forme consimili.
Quella del movimento rigeneratore é una pratica che avviene in silenzio,
da soli o in gruppo ed in base alle nostre esperienze personali di più di
un decennio di pratica, indubbiamente essa và direttamnte alla fonte del
problema che affligge tanto gli operatori sul corpo e cioé quello
dell'equilibrio psicofisico e dell'allenamento energetico sollevando in
particolar modo il terapista dal frequente rischio di "ingolfamento"
stagnazione e stanchezza da esso derivante, dovuto all'applicazione di
troppe tecniche e corpus di conoscenze acquisite. Lasciando dunque,
libero spazio ai meccanismi di autoregolazione ed elasticizzazione del
nostro corpo riteniamo che la pratica del Katsugen Undo sia
consigliabile ai terapisti shiatsu poiché opera una sintonizzazione ed
un "rebalancing" ottimale per il lavoro.

PER INFORMAZIONI:
WWW.SCUOLADELLARESPIRAZIONE.ORG

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore