Buon giorno! oggi è Martedì 7 Dicembre 2021 ore 13 : 19 - Visite 1015900 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00417»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: WILLIAM LEE RANDE LAURA ELLEN GIFFORD
TITOLO: ALLA SCOPERTA DELLE RADICI DEL REIKI
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Alla scoperta delle radici del Reiki di William Lee Rand e Laura Ellen Gifford (1997)

Come insegnanti e praticanti di Reiki ci fa piacere condividere la storia "tradizionale" del Reiki così come insegnata nell'Occidente. Tuttavia questa storia
non ci ha mai soddisfatto abbastanza, sensazione peraltro espressa anche da molte altre persone. Importanti informazioni sembravano mancare e parti della
storia non sembravano quadrare. Alcuni dei "fatti" sono stati pertanto oggetto di ricerche, che li hanno scoperti inesatti e per la maggior parte falsi.
Le informazioni riguardanti il Dr. Usui, o Usui sensei come viene chiamato dagli studenti di Reiki in Giappone, in Occidente sono state così limitate e
rese simili a un mito che alcune persone si sono chieste se questo personaggio fosse realmente esistito. Tutto ciò ha reso difficile sentirsi connessi
a lui e alle radici del sistema da lui creato. Lo scorso anno (1998) abbiamo pubblicato un articolo sugli "Ideali del Reiki originario" che ha rivelato
una versione molto più autentica di ciò che è stato diffuso in
Occidente. Da allora ulteriori informazioni sono state scoperte, alcune delle quali derivanti dalle ricerche di Dave King, Melissa Riggall, Robert Jefford
e altri. Ma le informazioni più interessanti e verificabili provengono sicuramente da Frank Arjava Petter e dal suo libro "Reiki Fire" (disponibile in
italiano con titolo "La vera storia del Reiki", di Dario Canil e Frank Arjava Petter, Edizioni GB - N.D.T.). Arjava è stato uno dei primi maestri di Reiki
occidentali ad addestrare altri maestri in Giappone sin dal 1993. Grazie all'aiuto della moglie Chetna e della Reiki master Shizuko Akimoto, entrambe giapponesi,
Arjava è risalito a importanti fonti d'informazione riguardanti la storia del Reiki, incluse molte persone che hanno imparato Reiki da alcuni dei primi
insegnanti formati da Usui, tra cui principalmente il signor Oishi e il signor Fumio Ogawa. Arjava ha inoltre parlato con membri della famiglia Usui e
con membri della Usui Shiki Reiki Ryoho, l'originaria
organizzazione del Reiki fondata da Usui a Tokyo. Grazie a questi contatti ha raccolto alcune informazioni mancanti nella storia del Reiki, scoprendone
altresì di molto importanti. Tali informazioni forniscono un quadro molto più accurato di chi Usui fosse, di quali motivazioni avesse avuto per riscoprire
il Reiki e di come lui e i suoi allievi lo praticassero. Dopo aver letto il libro di Arjava siamo stati stimolati ad approfondire la questione e così gli
abbiamo inviato una e-mail con molte domande. Lui ci ha risposto e ci ha invitati in Giappone per visitare i luoghi sacri e per discutere le conseguenze
di queste nuove informazioni. Noi accettammo volentieri e andammo in Giappone la seconda settimana di Settembre. Molti fatti sincronistici accaddero in
relazione a questo viaggio, a cominciare da alcune persone che ci inviarono via fax importanti pagine del libro di Arjava. Inoltre, dopo aver prenotato
il volo, incontrammo persone che vivevano in Giappone, le quali si
offrirono come guide. Una di loro, Yuki Yamamoto, arrivò al nostro Centro da Osaka, Giappone, per frequentare un corso di Karuna Reiki senza essere affatto
a conoscenza del nostro programma di viaggio. Osaka si trova vicina al Monte Kurama e Yuki ci è stato parecchie volte. Così, quando ha scoperto il nostro
programma di viaggio, si è offerto di portarci sul Monte Kurama con la sua auto e di farci da guida. In precedenza il nostro amico Friedmann, che contattammo
via internet due settimane prima, venne all'Università del Kentucky per affari e incontrò Laura al suo Centro di Guarigione per scambiare trattamenti di
Reiki. A quel tempo non avevamo ancora programmato il nostro viaggio in Giappone e scoprimmo che Friedemann abita a soli 10 minuti da Arjava, pure lui
residente in Giappone, e così si offrì di aiutarci per raggiungere il Monte Kurama. Ecco quindi che, senza neanche cercarle, molte guide aggiuntive ci
vennero fornite e tutte loro si dimostrarono davvero utili. Noi
crediamo che queste cose ci siano successe grazie alla nostra pratica quotidiana del Reiki, durante la quale invitiamo l'energia a guidare ogni aspetto
della nostra vita.

Il Monte Kurama

Secondo gli scritti conservati nel tempio del Monte Kurama, nel 770 a.C. un prete di nome Gantei raggiunse la cima di tale monte guidato da un cavallo bianco.
La sua anima era illuminata dalla visione di Bishamonten, il protettore del quartiere settentrionale del paradiso buddhista nonchè spirito del sole. Gantei
fondò il tempio buddhista sul Monte Kurama che, attraverso molti stadi di sviluppo e ricostruzione, è oggi formato da molti templi e pagode. All'inizio
il tempio era parte della setta buddhista Tendai, ma dal 1949 è diventato parte della nuova setta buddhista Kurama-Kokyo. Arjava, Yuki e Friedemann ci
accompagnarono durante le nostre numerose visite al Monte Kurama. Che meravigliosa energia ha questo monte! I suoi templi sono situati in modo da poter
essere visitati soltanto separatamente, nel senso che ogni volta occorre salire e scendere dal monte per strade diverse. Potete quindi immaginarvi quanto
possa essere stancante, eppure scoprimmo che brevissime soste ci
erano sufficienti per recuperare le forze. Il Monte Kurama è davvero un "luogo di potere" e l'energia che vi fluisce è allo stesso tempo molto rinvigorente
e molto rilassante. Dona una sensazione di pace e appagamento. Entrambi ci rendemmo conto di numerosi spiriti che ci aiutavano e dai quali ricevemmo ispirazioni
e consigli. La nostra prima tappa sul monte fu alla stazione San-mon dove si trova un sacrario rappresentante la Trinità, la quale nella setta buddhista
Kurama-Kokyo è conosciuta come Sonten ovvero Divinità Suprema. Si crede che Sonten sia la sorgente di tutta la creazione, l'essenza di ogni cosa. Sonten
giunse sulla Terra in forma umana più di sei milioni di anni fa incarnandosi in Mao-son, il grande re che sconfisse i conquistatori del male, giunto sul
Monte Kurama da Venere. La sua missione era salvare e far evolvere il genere umano e ogni essere vivente sulla Terra. Si narra pure che Mao-son si sia
in seguito incarnato come spirito della Terra e che risieda
in un cedro secolare sulla cima del monte, da dove anche ai giorni nostri emana la sua benefica influenza. Sonten si manifesta sulla Terra come Amore, Luce
e Forza. Il simbolo di Amore è chiamato Senju-Kannon e assomiglia molto al simbolo mental/emotivo di Usui. Il simbolo di Luce è chiamato Bishamon-ten ed
è rappresentato da un simbolo sanscrito col quale non abbiamo familiarità. Il simbolo di Forza è chiamato Mao-son ed è rappresentato da un'antica versione
del simbolo dell'Om. L'essenza di tutti e tre è in ognuno di loro. Questi tre simboli sono simili nel significato ai tre simboli del Reiki di secondo livello.
Il kanji del master symbol di Usui si trova pure negli scritti del tempio del Monte Kurama, in quanto il significato di Sonten viene espresso usando lo
stesso kanji. Durante una preghiera nel tempio Hondon ci è stato pure dato il permesso di essere presenti mentre il prete utilizzava il nome del master
symbol di Usui durante una parte del canto. E' molto più che
una coincidenza il fatto che il master symbol di Usui sia usato nel tempio del Monte Kurama per rappresentare Sonten, la Divinità Suprema, e che il simbolo
che rappresenta Amore assomigli molto al simbolo mental/emotivo di Usui. Dal momento che Usui ha ricevuto la sua iniziazione al Reiki proprio sul Monte
Kurama è molto probabile che abbia fatto uso di alcuni dei simbolismi e delle filosofie contenute nel tempio ivi presente. Infatti, come riferitoci da
Shizuko Akimoto, Usui studiò molte cose prima di scoprire il Reiki, assumendo e combinando ciò che gli sembrava giusto per l'elaborazione della sua tecnica
di guarigione. Ciò appare chiaramente nei "Principi del Reiki", che noi sappiamo provenire dall'Imperatore Meiji in base alle iscrizioni apposte sulla
pietra tombale di Usui al tempio Saihoji di Tokyo. Tali iscrizioni spiegano inoltre che la vita di Usui a un certo punto cambiò in peggio, tanto da spingerlo
ad andare sul Monte Kurama alla ricerca di risposte tramite la
meditazione. Forse ciò che Usui stava cercando era una trasformazione personale e, a tale proposito, il Monte Kurama è noto per la sua capacità di aiutare
le persone a guarire le loro vite. Sembra pertanto che Usui abbia fatto ciò che molti di noi fanno quando le nostre vite peggiorano, ovvero cercare nello
spirito risposte e guarigioni. Si è aperto alla Forza superiore e non ha ricevuto soltanto la guarigione per sè stesso, ma anche un modo per aiutare gli
altri. Sul Monte Kurama ci sono tantissimi cedri giganteschi. Quando lo salimmo passammo attraverso un tragitto vicino alla cima ricoperto di radici e
pensammo: guarda, le radici del Reiki. Sulla cima del monte c'è un posto molto tranquillo con un piccolo sacrario chiamato Okunoin Mao-den, sul quale si
narra Mao-son sia disceso. Dietro il sacrario, protetto da un recinto di ferro, c'è un vecchio cedro che si dice contenga lo spirito di Mao-son. Questa
area è molto tranquilla ed è permeata dal suono dell'acqua corrente e
dal soffio del vento attraverso gli alberi. Vi passammo parecchio tempo in meditazione e facendo trattamenti di Reiki.

Il Memoriale - Risposte incise nella roccia

Con l'aiuto di Arjava Petter scoprimmo il memoriale dedicato al maestro Usui nel tempio Saihoji del distretto Suginami di Tokyo. Vi venne eretto subito
dopo la sua morte dall'Usui Shiki Reiki Ryoho, l'organizzazione fondata da Usui stesso per promuovere la pratica e l'insegnamento del Reiki, la quale si
occupa pure del luogo su cui il memoriale si trova. Tutto ciò è stato verificato dai responsabili del tempio Saihoji. Il fatto che l'Usui Shiki Reiki Ryoho
esistesse ancora ci sorprese, dato che la storia "ufficiale" narrava che tutti i membri di questo gruppo morirono in guerra o smisero di usare Reiki, mentre
la signora Takata era l'unica insegnante superstite del sistema Usui nel mondo intero. Adesso però sappiamo che l'Usui Shiki Reiki Ryoho è sempre esistita
ed esiste ancora al giorno d'oggi. I suoi membri hanno praticato e insegnato Reiki per tutto questo tempo. Il memoriale consiste di un enorme monolito
di tre metri di altezza per uno e venti di larghezza. Su di
esso, incisa in caratteri giapponesi vecchio stile, vi si narra la storia della vita di Usui e di come abbia scoperto il Reiki. Si trova in un cimitero
pubblico al tempio Saihoji vicino alla pietra tombale di Usui, dove giacciono le sue ceneri unitamente a quelle di sua moglie e di suo figlio. Le iscrizioni
sul memoriale furono eseguite dal signor Okata, che si crede essere un membro dell'Usui Shiki Reiki Ryoho, e dal signor Ushida, che divenne presidente
di tale organizzazione dopo la morte di Usui. In esse è possibile trovare molte importanti informazioni. Giungemmo al memoriale con fiori e salvia bruciata.
Una farfalla arrivò e si posò sui fiori che avevamo portato facendoci sentire così in pace che tracciammo i simboli del Reiki e mandammo energia al maestro
Usui. Ci prendemmo per mano e pregammo affinchè Reiki e Usui ci guidassero nello scrivere questo articolo, in modo da diffondere nel modo più accurato
possibile la comprensione del Reiki nel mondo intero. Chiedemmo
che queste nuove informazioni aiutassero a mantenere uniti i praticanti di Reiki, in armonia, ispirandoli ad usare Reiki per guarirsi gli uni con gli altri,
tutte le persone del mondo e la Terra come un tutt'uno. Meditando diventammo consapevoli della presenza di Usui circondato da una luce molto brillante.
Sentimmo che era felice del fatto che l'immagine del suo memoriale sarebbe stata vista da tante persone e che il modo in cui praticava Reiki sarebbe stato
chiarito. Shizuko Akimoto condivise ulteriori informazioni riguardanti Usui e la storia del Reiki. Secondo le ricerche sue, del signor Ogawa e di altri
membri dell'Usui Shiki Reiki Ryoho, non c'è mai stato l'obbligo di un pagamento per i trattamenti di Reiki. Il dottor Hayashi faceva pagare chiunque poteva
permetterselo, ma se aveva a che fare con persone povere le trattava gratis. Il suo Reiki non era a scopo di lucro, ma solo per il desiderio di aiutare
le persone. Molti dei suoi allievi ricevettero l'addestramento
al Reiki in cambio del loro lavoro presso la sua clinica. Il fatto che Usui sia diventato famoso aiutando le persone sofferenti dopo il terremoto di Tokyo,
come menzionato nel suo memoriale, dipende molto probabilmente non tanto dall'aver preteso che tutti pagassero per i suoi trattamenti ma, proprio come
Hayashi, dall'averne eseguiti parecchi gratuitamente.

Non esiste alcun titolo di "Grandmaster" nè di "Portatore del lignaggio" nell'organizzazione fondata da Usui

Il prezzo elevato fatto pagare da alcuni maestri in Occidente per l'ottenimento del livello di maestro di Reiki non è richiesto dall'Usui Shiki Reiki Ryoho.
Inoltre è risaputo che Usui e Hayashi abbiano distribuito manuali ai loro allievi, che purtroppo non ci sono ancora disponibili. D'altro canto, visto che
Reiki non aveva finalità lucrative, alcuni degli allievi di Hayashi furono addirittura obbligati a interrompere la pratica del Reiki per la mancanza di
sufficienti entrate monetarie. Questo suggerisce la necessità di un sentiero finanziario intermedio, un sentiero cioè che applichi pagamenti ragionevoli
in modo da guadagnarsi da vivere, ma anche sconti o addirittura nessun compenso per coloro che non se lo possono permettere. Questo darebbe modo alle persone
di dedicare le proprie vite al Reiki a tempo pieno, creando altresì sempre più praticanti capaci di aiutare sempre più persone. Secondo Arjava Petter non
esiste alcun titolo di "Grandmaster" nè di "Portatore del
lignaggio" nell'organizzazione fondata da Usui. La persona a capo dell'organizzazione è il presidente. Il maestro Usui fu il primo presidente dell'Usui
Shiki Reiki Ryoho e da allora cinque presidenti si sono susseguiti: i signori Ushida, Taketomi, Watanabe, Wanami e l'attuale presidente signora Kimiko
Koyama (recentemente sostituita da un certo signor Masayoshi Kondo - N.D.T.). Il dottor Hayashi fu un valido insegnante, ma non fu un presidente e nemmeno
ebbe alcuna carica nell'organizzazione. Secondo Richard Rivard, l'attuale presidente signora Koyama ha 91 anni e ha imparato il Reiki all'età di 21 anni
circa. Sebbene fosse viva ai tempi di Usui non lo incontrò mai. Apprese Reiki dal suo ultimo marito che era un membro della Marina. Quando a costui venne
offerta la presidenza dell'organizzazione la rifiutò, mentre lei l'accettò. La signora Koyama è in grado di dirti dove si trova una malattia o un trauma
semplicemente guardandoti entrare nella stanza. Effettua trattamenti
su una sedia reclinabile e riceve messaggi interiori che le guidano le mani durante le sessioni. Ha sviluppato un'enorme potere guaritivo, proprio come
ci si aspetterebbe da chi è a capo dell'Usui Shiki Reiki Ryoho. Le differenze di linguaggio e di cultura, assieme alla riluttanza di parte dell'Usui Shiki
Reiki Ryoho a parlare con i praticanti di Reiki occidentali, ha ristretto le nostre comunicazioni con tale organizzazione originaria del Reiki. Ecco perchè
le informazioni al riguardo hanno impiegato così tanto tempo per giungere fino in Occidente. Tuttavia le comunicazioni sono avvenute lo stesso e un deciso
passo avanti è atteso a breve, dato che le iscrizioni sul memoriale di Usui dichiarano che il suo desiderio era di diffondere Reiki nel mondo intero. Queste
nuove informazioni sul Reiki confermano quanto molti di noi avevano intuito fin dall'inizio e cioè che lo scopo del Reiki è aiutare le persone e che non
c'è bisogno di richiedere sempre un pagamento per i
trattamenti o per gli addestramenti se le persone sono bisognose o non se lo possono permettere. Pagamenti obbligatori per l'ottenimento dei livelli di
apprendimento non sono richiesti. Inoltre Reiki non fu sempre una tradizione orale e sia Usui che Hayashi hanno lasciato degli scritti ai loro allievi.
La pratica del Reiki è basata più sulla guida intuitiva che su rigide regole. La flessibilità del sistema Usui lo rende sufficientemente aperto a un'ampia
gamma di metodi e tecniche altrettanto validi, tanto che diversi stili sono attualmente praticati. La supremazia del Reiki risiede in Giappone, il suo
luogo d'origine, non in Occidente. Indicazioni di altre importanti scoperte sono state rese note. Noi ad esempio abbiamo ricevuto notizia che gli scritti
di Usui, Hayashi e altri, sono stati scoperti e che presto verranno tradotti e diffusi. E' probabile che sempre più comunicazioni avverranno con i membri
dell'Usui Shiki Reiki Ryoho, incluso il presidente, che è tenuto a
rivelare ulteriori utili informazioni. Questo è il periodo più bello per il Reiki in Occidente, dato che stiamo finalmente apprendendo la sua vera storia.
Molti stanno sentendo una splendida sensazione di ritorno a casa. Che queste nuove informazioni vengano condivise nella gioia e ci permettano di ispirare
e rafforzare la nostra pratica del Reiki.

Il Memoriale di Usui di William Lee Rand

Il memoriale di Usui si trova nel tempio Saihoji del distretto Suginami di Tokyo. Venne eretto dai suoi allievi subito dopo la sua morte e viene ora curato
dall'Usui Shiki Reiki Ryoho, l'organizzazione fondata da Usui. La pietra del memoriale è alta circa tre metri e larga uno e venti. Le iscrizioni apposte
su di essa furono scritte in giapponese vecchio stile dal signor Okata, un membro dell'Usui Shiki Reiki Ryoho, e dal signor Ushida, che ne divenne presidente
dopo la morte di Usui. La traduzione in inglese delle iscrizioni è tratta dal libro "Reiki Fire" su permesso dell'autore Frank Arjava Petter. Il grande
kanji sulla cima del memoriale cita: "Memoriale della virtù del maestro Usui". Il resto dell'iscrizione cita quanto segue:

"Colui che studia tanto (che pratica meditazione) e lavora assiduamente per migliorare il corpo e la mente per diventare una persona migliore è chiamato
'uomo di grande spirito'. Le persone che usano tale grande spirito per uno scopo sociale, ovvero per insegnare la retta via a molte persone e per attuare
il bene collettivo, sono chiamati 'insegnanti'. Il dottor Usui fu uno di essi. Egli insegnò il Reiki dell'universo. Innumerevoli persone gli chiesero di
insegnargli la grande via del Reiki e di guarirli. Il dottore Usui nacque il 15 Agosto del primo anno del periodo Keio Gunnen (1865). Il suo nome fu Mikao
e il suo cognome viene pronunciato anche Gyoho (oppure Kyoho). Nacque nel villaggio di Yago nel distretto di Yamagata della prefettura di Gifu. Il nome
di suo nonno è Tsunetane Chiba. Il nome di suo padre è Uzaemon. Il nome della famiglia di sua madre è Kaweai. Da quanto ci è dato sapere fu uno studente
di talento e volenteroso. Da adulto viaggiò in numerosi paesi
occidentali e in Cina per studiare e lavorare sodo, ma a un certo punto cadde in disgrazia. Tuttavia non si lasciò andare ma si applicò assiduamente. Un
giorno si recò sul Monte Kurama per un ritiro di 21 giorni di digiuno e meditazione. Alla fine di questo periodo improvvisamente sentì la grande energia
del Reiki sulla sommità del capo portarlo alla scoperta del sistema di guarigione. All'inizio praticò Reiki su di sè e poi sulla sua famiglia. Vista la
sua efficacia sui vari disturbi decise di condividere questa conoscenza con il vasto pubblico. Aprì una clinica in Harajuku, Aoyuma, Tokyo, nell'Aprile
dell'undicesimo anno del periodo Taisho (1922). Non soltanto effettuò trattamenti a innumerevoli pazienti, alcuni dei quali giunti da ogni dove, ma tenne
anche dei seminari per diffondere la sua conoscenza. Nel Settembre del dodicesimo anno del periodo Taisho (1923) il devastante terremoto Kanto scosse Tokyo.
Migliaia furono i morti, i feriti e le persone che si ammalarono.
Il dottor Usui si addolorò per loro, ma portò anche Reiki alla città devastata e usò i suoi poteri guaritivi sui sopravvissuti. La sua clinica divenne presto
troppo piccola per accogliere la moltitudine di pazienti, così nel Febbraio del quattordicesimo anno del periodo Taisho (1925) ne costruì una nuova fuori
Tokyo, in Nakano. La sua fama si diffuse velocemente per tutto il Giappone, come pure le richieste di trattamento in luoghi lontani. Una volta giunse a
Kure, un'altra volta alla prefettura di Hiroshima, e poi alla prefettura di Saga e a Fukuyama. E fu durante il suo soggiorno a Fukuyama che venne colpito
da un attacco fatale il 9 Marzo del quindicesimo anno del periodo Taisho (1926). Aveva 61 anni. Il dottor Usui aveva una moglie di nome Sadako, il cui
nome da nubile era Suzuki. Ebbero un figlio e una figlia. Il figlio Fuji Usui si occupò degli affari di famiglia dopo la sua morte. Il dottor Usui fu una
persona molto affettuosa, semplice e umile. Era fisicamente in
salute ed equilibrato. Non si metteva mai in mostra e aveva sempre il volto sorridente. Era molto coraggioso di fronte alle avversità, ma anche molto cauto.
Aveva molte qualità. Gli piaceva leggere e vasta era la sua conoscenza in medicina, psicologia, capacità precognitive e teologia delle religioni del mondo.
La sua attitudine allo studio e alla raccolta di informazioni certamente lo aiutarono nella percezione e nella comprensione del Reiki. Reiki non soltanto
cura le malattie ma anche amplifica abilità innate, equilibra lo spirito e dona salute al corpo, aiutando a raggiungere la felicità. Per insegnarlo agli
altri dovreste seguire i cinque princìpi dell'Imperatore Meiji e meditarli nel vostro cuore. Dovrebbero essere recitati quotidianamente, una volta al mattino
e una volta alla sera. 1) Per oggi non ti arrabbiare. 2) Per oggi non ti preoccupare. 3) Per oggi sii grato. 4) Per oggi lavora sodo (pratica la meditazione).
5) Per oggi sii gentile con gli altri. Lo scopo
finale è comprendere l'antico metodo segreto per l'ottenimento della felicità, scoprendo pertanto la cura ideale per molte indisposizioni. Se seguirete
questi principi raggiungerete la tranquillità mentale degli antichi saggi. Per iniziare a diffondere la tecnica Reiki è importante iniziare da un approccio
vicino a voi stessi. Non iniziate da qualcosa di distante come la filosofia o la logica. Sedetevi quieti e in silenzio ogni mattino e ogni sera con le
mani giunte in "Ghasso" o in "Namaste". Seguite i grandi princìpi e siate limpidi e calmi. Lavorate sul vostro cuore e generate cose dallo spazio tranquillo
dentro di voi. Chiunque può accedere al Reiki, perchè esso ha origine dentro di voi. Gli schemi filosofici stanno cambiando il mondo. Se Reiki potrà essere
diffuso in ogni luogo toccherà il cuore umano e la morale della società. Sarà utile a molte persone, non soltanto guarendo le malattie ma la Terra come
un tutt'uno. Più di duemila persone impararono Reiki dal dottor
Usui. Ancora di più lo impararono dai suoi discepoli più anziani che ne raccolsero l'eredità. Ora, dopo la morte di Usui, Reiki continuerà a diffondersi
dappertutto. L'aver ricevuto Reiki dal dottor Usui e l'essere in grado di trasmetterlo agli altri è una benedizione universale. Molti degli allievi del
dottor Usui si sono radunati per erigere questo memoriale, qui al tempio Saihoji nel distretto di Toyotoma. Mi venne chiesto di scrivere queste parole
per aiutare a mantener vivo il suo lavoro. Apprezzo profondamente il suo lavoro e vorrei dire a tutti i suoi discepoli che sono onorato di essere stato
scelto per questo compito. Che molti possano comprendere quale grande servizio il dottor Usui ha fatto al mondo intero.

Reiki: chi ha il comando? di Frank Arjava Petter (18/9/1997)

Ho avuto l'opportunità di vivere in Giappone e di insegnarvi in classi di Reiki sin dal 1993. Con l'aiuto di mia moglie giapponese Chetna e della Reiki
master giapponese Shizuko Akimoto ho avuto contatti con diverse persone che hanno appreso Reiki dai primi allievi del dottor Usui, come pure con membri
della famiglia del dottor Usui e con membri dell'Usui Shiki Ryoho di Tokyo. Durante questi incontri parlammo della storia del Reiki e di come viene praticato
in Giappone. Grazie a tali fonti d'informazione ho appreso molte cose interessanti sul Reiki che in Occidente non sono conosciute. Per molti anni abbiamo
guardato la storia del Reiki da un punto di vista occidentale. Questa storia ha avuto molte limitazioni e, a causa delle barriere culturali e linguistiche
tra il Giappone e l'Occidente, non molti aspetti della storia occidentale poterono essere verificati o approfonditi. La vita del dottor Usui, o di Usui
sensei (maestro/insegnante) come viene chiamato dai suoi seguaci
in Giappone, fu oscurata da nebbie di carattere mistico.
A causa di ciò si svilupparono alcune disinformazioni su Usui e sulla sua vita.
Recentemente la questione su chi fosse il vero successore di Usui è tornata alla ribalta e per questo mi piacerebbe chiarire le cose una volta per tutte.
Dalla morte di Usui, avvenuta il 9 Marzo 1926, la Usui Shiki Ryoho, da lui fondata e presieduta, ha avuto cinque presidenti, i veri e unici successori
di Mikao Usui. Il primo successore fu il signor Ushida, che assunse il comando dopo la morte di Usui.
Il secondo successore fu il signor Iichi Taketomi, il terzo il signor Yoshiharu Watanabe, il quarto il signor Wanami, e l'attuale successore è la signora
Kimiko Koyama (a sua volta recentemente sostituita da un certo signor Masayoshi Kondo - N.D.T.). I titoli di "Grandmaster" o di "Portatore del lignaggio"
non furono e non sono in uso nell'Usui Shiki Ryoho, o Usui Kai come viene ora chiamata. Di conseguenza questo titolo non passò mai al signor Chujiro Hayashi
come invece si crede in Occidente. L'unico successore del maestro Usui fu il signor Ushida nel 1926. Il signor Hayashi fu uno dei molti rispettati discepoli
del maestro Usui, ma non più e non meno di questo.
A suo tempo discepoli come il signor Hayashi, che avevano conseguito lo status di insegnante dal presidente, spesso avevano i loro propri allievi. Ecco
perchè ci sono così tante differenti correnti del Reiki in tutto il Giappone. In ogni caso oggi non ci sono dubbi sull'attuale posizione di comando della
signora Kimiko Koyama.
La ragione per cui la verità sul vero successore di Usui non è mai venuta alla luce in Occidente è molto semplice. Anni fa sentii per telefono un mebro
della Usui Kan affermare che "Non siamo interessati al Reiki che proviene da paesi stranieri". Questo comportamento spiega perchè il loro archivio non
fu mai ufficialmente reso noto. I giapponesi in generale tendono ad accettare le cose molto più degli occidentali. Quando piove piove, e quando il sole
splende splende. A proposito di cose che accadono all'estero l'interesse del Giappone è solitamente nullo, sia che si tratti di distruzioni ambientali,
guerre internazionali o questioni politiche, sia che si tratti di Reiki o delle falsità che sono circolate sul suo conto.
Sono stati perpetrati così tanti abusi nel nome del Reiki che è difficile stupirsi del fatto che l'Usui Kai si tenga la sua conoscenza solo per sè.
Essi semplicemente non vogliono farsi coinvolgere. Comunque, io non sono nè un giapponese nè un tipo dal carattere passivo e ho la passione per la verità.
Ecco perchè mi piacerebbe diffondere le suddette informazioni a tutti voi. Reiki è pura energia, a dispetto di qualsiasi etichetta gli appiccichiamo. Non
c'è nè un Reiki giusto nè uno sbagliato. L'energia non ha attributi morali e nessuno la potrà mai possedere. E un nostro diritto di nascita come esseri
umani e perciò è libera come il vento. Ed è in questo spirito di amore, luce e unità che vi auguro il meglio sul vostro sentiero verso la luce. Dal Giappone,
con amore.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore