Buon giorno! oggi è Lunedì 21 Gennaio 2019 ore 2 : 26 - Visite 475871 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00477»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: GUIDO DA TODI
TITOLO: QUANDO COMINCIA IL KARMA? E QUANDO FINISCE?
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

QUANDO COMINCIA IL KARMA? E QUANDO FINISCE?

(di Guido)

(risposta di Guido ad un listante della lista Kriya [12/02/00])

--

(Scrive )

Salve.

A proposito del "responsabile" sopra citato, cioe' creatore del karma o
autore dell'azione. Chi e' l'autore della primissima azione, dalla quale
seguirono tutte le varie reazioni ? Primissima azione quando non c'era,
ne' un lui, ne' una lei.

Se non si è proprietari di nulla perche' tutto appartiene all'Assoluto,
allora che senso ha il termine " Responsabilità " ? Visto che anche
l'azione, facendo essa parte del Tutto, appartiene indubbiamente sempre
all'Assoluto?

Saluti a tutti X

--

(risponde Guido)

In effetti, , queste due domande ci alla natura precisa del
tempo e dello spazio, come sono comunemente intesi.

Ivi, si parla di un .

Ora, ad esse sarebbe molto facile rispondere - se si ritenesse, court>, che, facendolo, si potrebbe risolvere ogni problema latente nella
tua domanda.

Ma, le cose - sempre secondo la mia modesta e personale sperimentazione
soggettiva - stanno inserite in un contesto un po' differente.

Intanto - come e' mistica abitudine di ogni Scuola Tradizionale - si debbono
tenere presente due fattori inscindibili, nelle logiche di carattere
spirituale:

Il primo di essi e' la .

Nessuno dei ricercatori avanzati nella via spirituale osera' dire dell'Uno
(Tutto, Assoluto, Dio) piu' di:

<..ne percepisco la Realta', l'Esistenza...e null' altro che mi possa -
poi - smuovere dallo stato di grazia infinita che tale percezione mi
arreca...>

Si afferma, da millenni - e con splendida ragione - che:



Di conseguenza, giungere ad affermare che provocato la "prima spinta"...> e' sicuramente un'ipotesi del tutto irreale,
di fronte a quanto appena asserito.

Il Tutto-Uno e'.

Oltre a cio', non si puo' avanzare, ne'progredire con il pensiero umano....

Questa e' - malamente esposta...- l'essenza del Monismo.

Il secondo fattore da considerarsi, e' - allora - di fare riferimento ad un
Logos (da non confondersi con l'Uno, l'Assoluto...), il quale - diretta
Emanazione (o, se vogliamo, Prima Essenza) del Tutto-Uno, si faccia
promotore di tutte le azioni che sviluppano gli universi.

Entriamo, con cio', nel

Ed ecco, allora, la Baghavad Gita che interviene, cantando:

<...All'inizio della Crezione, il Signore di tutte le creature genero'
uomini ed esseri celesti, insieme con i sacrifici a Visnu, e li benedisse,
dicendo:< Siate felici compiendo questi yajna (sacrifici), poiche' essi vi
porteranno tutto cio' che desiderate per vivere felicemente e raggiungere la
liberazione (Cap.3 - Ver.9)..>

E la Baghavad Gita dice ancora:

<..Io non sono quest'Universo, anche se quest'universo e' il mio Corpo. Ma,
lo , contenendolo in Me>.

In effetti - per chi conosca ed abbia letto l'incantevole e sacro Testo - i
due aspetti di cui abbiamo parlato: ma irrealizzabile> e responsabile delle azioni che la sua opera produrra', dopo il
dalla propria Essenza> sono le due visioni che Arjuna riceve in dono, dal
Signore Krishna.

La prima - del Tutto-Uno - lo riempie di terrore. Egli vede innumerevoli
aspetti privi di fondo e di orizzonti finiti, che continuamente si espandono
e si autoalimentano, e grida - atterrito - alla , a
Krishna (o, se preferisci, al suo Se' Superiore) di esprimere - di quel
Tutto-Uno - solamente l' individuale che sempre Egli Gli mostro':
ossia, quella del Logos personale....

Con amabile dolcezza, ecco, allora, che Krishna riprende la Forma delicata
umana, e si autoidentifica al Creatore del
vissuto da Arjiuna, e gli parla della , che lo condurra'
alla liberta' finale.

Egli si identifica nell'aspetto di Dio (Logos);
nell'aspetto e non .

Di quell'aspetto, in effetti, che tanto ha incantato ed incanta i grandi
Guru del passato e del presente, mandandoli in estasi continua.

Un Logos che e' - al contrario dell'Uno-Tutto (Assoluto), di
cui e', pur sempre, un Aspetto .

Un Logos-Verbo.

Il Sacro Suono AUM.

Ed e' - appunto - alla realizzazione sperimentale e definitiva di tale
Indicibile Traccia, verso cui tende - consapevolmente, o meno - ogni
ricercatore sul Sentiero.

Ma, proprio come ogni figlio e' responsabile delle proprie azioni, malgrado
sia nato dai genitori che lo concepirono, cosi' l'uomo e' artefice del suo
(relativo e limitato) libero arbitrio.

Riprenderemo l'argomento in future monografie.

Un caro abbraccio!

Guido

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore