Buon giorno! oggi è Martedì 22 Ottobre 2019 ore 7 : 53 - Visite 596612 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00612»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ANTHONY DE MELLO
TITOLO: IL DESIDERIO DI FELICITA'
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Brani da:

ANTHONY DE MELLO

SCOPRI TE STESSO E RIPRENDITI LA VITA

MESSAGGIO PER UN'AQUILA CHE SI CREDE UN POLLO

La vita è quella cosa che ci accade
mentre siamo occupati
a fare altri progetti

- Il desiderio di felicità -

Stavo dicendo che noi non desideriamo essere felici. Vogliamo altre cose. O
meglio: noi non
vogliamo essere felici incondizionatamente. Sono pronto a essere felice a
condizione che
abbia questo e questo e quest'altro.

Ma ciò equivale a dire al nostro amico o al nostro Dio o a chiunque: «Tu sei
la mia felicità.
Se non ho te, rifiuto di essere felice».
É davvero importante capire questo meccanismo. Non riusciamo a immaginare di
essere felici a
prescindere da tali condizioni. É esattamente così.

Non riusciamo a concepire di poter essere felici senza di esse. Ci è stato
insegnato a situare
in esse la nostra felicità.

Dunque, questa è la prima cosa da fare se vogliamo svegliarci, il che
equivale a dire: se
vogliamo amare, se vogliamo la libertà, se vogliamo la gioia, la pace la
spiritualità.

In questo senso, la spiritualità è la cosa più pratica di questo mondo.

Sfido chiunque, a pensare a qualcosa di più pratico della spiritualità per
come l'ho definita -
né pietà, né devozione, né religione, né adorazione, ma spiritualità - il
risveglio, il
risveglio!

Osservate l'angoscia che regna ovunque, osservate la solitudine, la paura,
la confusione, il
conflitto nel cuore delle persone, conflitto interno, conflitto esterno.
Immaginate che
qualcuno vi dia la possibilità di liberarvi di tutto ciò.

Immaginate che qualcuno vi dia la possibilità di fermare quel terribile
dispendio di energia,
di salute, di emozioni che deriva da tali conflitti e da tale confusione. Vi
piacerebbe?

Immaginate che qualcuno ci mostri la strada attraverso la quale potremmo
giungere ad amarci
davvero gli uni gli altri, essere in pace, essere immersi nell'amore.
Riuscite a pensare a
qualcosa di più pratico di tutto ciò? E invece c'è gente che ritiene che i
grandi affari siano
più pratici, che la politica sia più pratica, che la scienza sia più
pratica.

Quale sarà mai il vantaggio materiale di mandare un uomo sulla luna, quando
noi non riusciamo a
vivere sulla terra?

-
- Nemmeno la rinuncia è la soluzione giusta -

Ogni volta che si rinuncia a qualcosa, ci si illude. Cosa ne dite? Ci si
illude. A cosa si
rinuncia? Ogni volta che si rinuncia a qualcosa, si rimane legati per sempre
all'oggetto della
rinuncia.

In India c'è un guru che dice: «Ogni volta che viene da me una prostituta,
non mi parla d'altro
che di Dio. Mi dice: "sono stufa della vita che faccio. Voglio Dio". Ma ogni
volta che viene da
me un prete, non mi parla d'altro che di sesso».

Infatti, quando si rinuncia a qualcosa, si rimane vincolati a quella cosa
per sempre. Quando si
combatte qualcosa, le si è legati per sempre. Finché la si combatte, le si
dà potere. Le si dà
un potere pari a quello impiegato per combatterla.

E questo riguarda anche il comunismo e tutto il resto. Dunque bisogna
"accogliere" i propri
demoni, perché combattendo contro di essi si dà loro potere. Nessuno ve l'ha
mai detto prima
d'ora? Quando si rinuncia a qualcosa, vi si rimane legati. L'unico modo per
uscirne è non
lasciarsi ingannare. Non rinunciate, ma non lasciatevi ingannare. Cercare di
capire il vero
valore di quella cosa, e non avrete bisogno di rinunciarvi: semplicemente,
vi cadrà dalle mani.

Ma, naturalmente, se non capite cosa voglio dire, se siete talmente
ipnotizzati da pensare che
non potrete essere felici senza quella data cosa, o quell'altra, o
quell'altra ancora, siete
incastrati. Quel che stiamo cercando di fare per voi non è quel che
tenta di fare la cosiddetta spiritualità - e cioè di farvi fare
dei sacrifici, di rinunciare alle cose. É assolutamente inutile. Rimarreste
comunque
addormentati. Quel che dobbiamo fare è aiutarvi a capire, capire, capire. Se
capiste,
improvvisamente vi verrebbe a mancare il desiderio di quel dato oggetto. Il
che equivale a
dire: se vi svegliaste, vi verrebbe a mancare il desiderio di quel dato
oggetto.

--

- Buoni, cattivi o fortunati -

A me sembra che l'egoismo nasca da una sorta d'istinto di conservazione, che
è il nostro
istinto primario e più profondo. Come possiamo scegliere la mancanza di
egoismo? Sarebbe quasi
come optare per il non essere. A me appare come l'equivalente del non
essere. Ma, qualsiasi
cosa sia, io dico: smettete di sentirvi in colpa per il fatto di essere
egoisti: siamo tutti
uguali.

Una volta, una persona ha detto una cosa terribilmente bella su Gesù, e
questa persona non era
nemmeno cristiana. Disse: «L'aspetto migliore di Gesù è che si trovava a suo
agio con i
peccatori, perché capiva che non era migliore di loro in niente».

Ci differenziamo da altri - dai criminali, per esempio - solo per quel che
facciamo o non
facciamo, (non per quel che siamo). L'unica differenza tra Gesù e quei
peccatori era che lui
era sveglio e loro no.

Pensate a quelli che vincono alla lotteria. Dicono forse: «Sono molto
orgoglioso di accettare
questo premio, non per me, ma per la mia nazione e la mia società»?

Parlano forse così quelli che vincono alla lotteria? No, perché hanno avuto
fortuna, fortuna.
E dunque hanno vinto il primo premio della lotteria. C'è forse da essere
orgogliosi di una cosa
del genere?

Allo stesso modo, se voi riusciste ad arrivare all'illuminazione, lo fareste
nel vostro
interesse personale, e sareste fortunati. Volete gloriarsi? Non capite
quanto è stupido
vantarsi delle proprie buone azioni? Il Fariseo non era un uomo malvagio,
era solo stupido. Era
stupido, non malvagio. Non si fermava a pensare.

Una volta qualcuno ha detto: «Non ho il coraggio di fermarmi a pensare,
perché se lo facessi
non saprei come ripartire».

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore