Buon giorno! oggi è Mercoledì 27 Gennaio 2021 ore 1 : 55 - Visite 821371 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00843»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ANTONELLA LUCATO
TITOLO: DI CHE COLORE TI VESTI?
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Di che colore ti vesti?

(di Antonella Lucato)

Quale colore regna sovrano nel vostro armadio? Che colore prevale tra
abiti, giacche, gonne, pantaloni e maglie? E negli accessori? Di che colore
sono gli ultimi capi che avete acquistato? Con che colore vi sentite più a
vostro agio?

Fidarsi dell'istinto e lasciarsi attrarre dal colore che piace è un buon
modo per creare il proprio stile personale, indossare ciò che più è in
sintonia con chi si è. E' un'arte che va coltivata per conoscere e
valorizzare i propri punti di forza, far fiorire la propria natura
autentica.

Cosa vi porta a scegliere cosa indossare? Il piacere di comunicare con abiti
e colori o l'immagine che volete dare agli altri? Quale colore indossare in
un'importante riunione, il giorno di un colloquio o di un esame, per una
cena di lavoro, una festa dove far bella figura o un invito al quale non si
può rinunciare ma si vorrebbe essere invisibili? Con i colori ci si
racconta prima ancora d' iniziare una conversazione.

Chi ama il rassicurante beige o il blu bon ton, chi preferisce i toni
pastello, dal celestino all'albicocca, dal giallo canarino al verde
pistacchio, convinto che i colori pastello ringiovaniscano. Ognuno
percepisce i colori secondo il proprio gusto personale, in base a bisogni,
cultura, desideri ed esperienze.

I colori caldi, in particolare l'arancio, il giallo, il rosso, fanno
emergere istinti ed emozioni, quella parte passionale che rimane spesso
nascosta o non trova possibilità di esprimersi nella vita di tutti i giorni
se prevale la razionalità.

Se il rosso acceso, malizioso e vibrante è il colore dell'attacco, il rosa
stempera l'aggressività e risolleva l'umore, è il colore dell'amore
romantico e dell'affettività, comunica emozioni tenere, complicità,
dolcezza. Una sferzata di vitale arancio dà energia quando serve.

Indossare qualcosa di giallo dà luce, risalto e vivacità, come l'arancio fa
ritrovare la carica quando si è stanchi o scarichi. Quando però il giallo è
pesantemente accentuato può esprimere voglia di leggerezza, il desiderio
di lasciare alle spalle delusioni, difficoltà e periodi tristi.

Dovete sostenere un colloquio o ottenere un prestito in banca? Un abito dai
toni scuri è adatto alla situazione ma se si è tristi o di cattivo umore
meglio indossare qualche nota di colore magari nella cravatta o nell'intimo
per compensare i toni scuri. Il grigio è serioso, in quantità massicce
incupisce. Il marrone comunica il desiderio di non volersi mettere troppo in
mostra ma può rispecchiare uno stato d'animo tetro.

Un tocco di rosso infonde coraggio e quel pizzico di grinta per superare
situazioni che intimoriscono o fanno sentire sotto esame. Chi indossa il
rosso come tonalità dominante nell'abbigliamento è vivace ed estroverso, con
una tendenza ad imporsi nelle relazioni. Energico e in continuo movimento,
vuole conquistare rapidamente i propri obiettivi. Usato in eccesso nelle
tonalità più accese può sembrare sfacciato ed aggressivo, una voglia
esagerata di farsi notare.

Il blu è elegante e raffinato, trasmette quiete emotiva e padronanza di sé.
Scegliere con costanza il blu può esprimere il desiderio di un ambiente
calmo e ordinato, libero da fastidi e disturbi. Considerato tra i colori
freddi, usato nell'abbigliamento intimo più che attrarre può trasmettere un
senso di distanza. Usato in eccesso può far sprofondare nella malinconia da
stemperare con qualche tocco di colore più caldo.

L'acquamarina ricorda l'acqua cristallina, dà luminosità. Il turchese è un
colore che alleggerisce mente e spirito, richiama i colori dell'estate, una
boccata d'ossigeno quando si sente il bisogno di libertà.

Il verde nelle sue infinite tonalità, dal militare al fresco verde mela, al
salvia, dal lime al verde bottiglia denso e notturno, dal verde carciofo al
timo, Il verde bandiera o biliardo magari sono un po' appariscenti ma chi li
sa portare rivela spesso di essere una persona di temperamento. Il verde
basilico è molto amato. È una tonalità più carica di giallo rispetto al
verde menta e quindi più calda. Nelle sue variegate nuances è un colore che
ha molto successo nell'abbigliamento anche se il verde pisello non è adatto
a tutte le carnagioni, da evitare se si è pallide e il verde pistacchio è
meglio mangiato che indossato. Kandinsky diceva che il verde è il colore che
più rasserena. Indossare il verde aiuta a calmare una mente molto attiva, un
momento d'ansia, la tensione prima di affrontare una prova.

Il viola o lo si ama o si odia. Le fan di questo colore così particolare si
riconoscono, spesso lo sfoggiano con fierezza. Alcuni studiosi dicono che
l'inferno
è rosso, il purgatorio grigio e il paradiso viola! Nasce dall'incrocio del
rosso, tono delle passioni materiali con il blu che trascende la materia e
si eleva verso il cielo. E' il colore prediletto da personalità con una
spiccata sensibilità che riescono a vedere il lato nascosto delle cose.
Particolarmente utile quando si cerca equilibrio interiore, calma e
padronanza emozionale.

Il bianco è esigente, adatto ad un corpo sottile e ad una robusta autostima.
Non è sempre facile da portare, non è per tutti. Chi veste in prevalenza di
questo colore comunica distinzione, sicurezza, talvolta rivendica se stesso
con orgoglio e fierezza. Basta però sedersi sul sedile sbagliato o in un
posto impolverato perché il bianco si sporchi e in un attimo si passa
dall'eleganza
alla sciatteria.

Il nero tende a snellire, il bianco no, se ci sono delle rotondità le mette
in mostra. Ma il bianco non è solo purezza, è anche luminosità e sensualità.
Il bianco totale, così come il nero, è estremo. Indossare una maglietta o
una camicia bianca ogni tanto è ben diverso che vestirsi prevalentemente di
bianco totale, un tocco di bianco regala una nota di eleganza senza impegno.

Al maschile è più facile vederlo indossato da un intellettuale o un artista
che da qualcuno che ha a che fare con la vita aziendale. Mitico è stato
Robert Redford nel film Il grande Gatsby con pantaloni e panciotto
immacolati. Uomini d'affari in bianco sono difficili da vedere proprio
perché vestire di bianco rimanda all'immagine dell'astrazione, del distacco
dalle cose pratiche del mondo. Più si sale nella scala gerarchica
dell'organizzazione
aziendale più l'abito infatti si fa scuro, simbolo di ruolo di potere,
eleganza e sobrietà.

Il nero trionfa negli armadi di molte donne e uomini di ogni età. E' tra i
colori più indossati, amato protagonista dalla mattina alla sera. Qual è il
segreto del suo potere intramontabile? Discreto, profondo, modaiolo,
elegante, minimalista, il nero si accorda a molti stati d'animo, ad ogni
situazione e stagione. Elegante, misterioso e raffinato, è il più indossato
nelle feste importanti.

Misterioso, impenetrabile come le profondità del nostro inconscio. Lascia
vedere solo lo strato superficiale del tessuto, tra le sue pieghe si possono
nascondere pensieri ed emozioni che non si vogliono mostrare. Sotto il nero
si può mascherare un'altra identità o celare una personalità più colorata,
solare o trasgressiva da svelare solo come, quando e con chi si vuole.

Pratico, il nero si accosta facilmente con gli altri colori senza il timore
di abbinarli, è rassicurante, fa sentire al riparo dagli sguardi altrui
quando non si vuole essere troppo in vista. Ritirarsi nel nero come in un
ritorno nel ventre materno, lontano dagli sguardi indagatori o giudicanti,
dalle aggressioni del mondo esterno.

Nel nero si può cercare rifugio dall'eccessiva invadenza dell'apparire. In
una società dove tutto è mostrato, esibito, rivelato, urlato, dove le
telecamere sono ovunque il nero ci preserva. Azzera le differenze, "manda
tutto a terra", amava dire la mitica Coco Chanel.

Di classe e discreto è considerato un passe-partout ma non passa
inosservato. Delinea la silhouette, la scolpisce o la esibisce in un gioco
di scollature che mette in risalto i punti nudi del corpo, richiama
l'attenzione
sull'incarnato della pelle, sulle forme. Così come il nero assorbe la luce,
la donna che lo indossa può assorbire gli sguardi degli altri senza
necessariamente restituirli.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore