Buona sera! oggi è Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 21 : 7 - Visite 521281 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00939»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: ANNALISA ANTODICOLA
TITOLO: COLORI... DA BERE!
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Colori... da bere!

(di Annalisa Antodicola)

Contrariamente a quanto credono in molti, la cromoterapia (ossia l'uso dei
colori per ottenere la guarigione) non è una recente invenzione fra i tanti
nuovi metodi di cura New Age. Piuttosto, si tratta di un modo dolce, sottile
e particolarmente efficace di curare il corpo e le emozioni, di ripristinare
l'equilibrio nel campo vibrazionale umano (o aura) di cui ci si serve fin
dall'antichità, in varie forme-

Una delle più semplici, prive di effetti collaterali, ma efficaci ,è la
cromoterapia con l'acqua che, servendosi dell'energia solare per "caricare"
di colore un liquido da bere, è particolarmente adatta da sperimentare
durante l'estate.

I BENEFICI DELLA CROMOTERAPIA... IN ACQUA

La luce, ci dice la fisica, è una forma di radiazione elettromagnetica (o
energia vibratoria), come lo sono il suono, le onde radio, il calore, ma
anche tutto ciò che ci appare come la realtà fisica, materiale. Ogni colore
è una manifestazione delle radiazioni luminose, caratterizzata da una
frequenza e da una lunghezza d'onda ben precise e costanti. Quando entrano
in contatto con la nostra energia vibratoria, queste particolari radiazioni
cominciano ad interagire con essa e a modificarla, per cui, usate con
consapevolezza e attenzione, sono in grado di ripristinare equilibri
compromessi.

Ogni colore ha degli effetti particolari ed unici sugli organismi viventi.
Secondo Theo Gimbel, una delle figure più importanti nel campo della
cromoterapia moderna, il colore, avendo una vibrazione assai più rapida
rispetto al suono, esercita un'influenza molto più potente e profonda
sull'organismo umano di quella delle onde sonore. In effetti, è stato
dimostrato che, in presenza del colore, si verificano mutamenti biochimici
all'interno delle cellule di tutto il corpo, dovuti all'azione degli ormoni
che si riversano nel sangue, la cui produzione è influenzata dalla
percezione dei colori.

Il metodo di cromoterapia con l'acqua consiste dunque nell'"impregnare" la
struttura molecolare, o vibrazionale, dell'acqua (o di un altro liquido)
delle specifiche vibrazioni di luce di un colore, in modo da poterle,
quindi, assimilare pienamente, sia bevendole, sia applicandole sul corpo. La
luce solare diretta funge da potente attivatore, trasferendo le vibrazioni
del colore all'acqua in un processo che viene definito "solarizzazione" o
magnetizzazione.

E' una delle tecniche cromoterapiche di origine più antica, usata da tempo
immemore in India, ed è anche una delle più semplici, delicate e sicure.
Ecco come metterla in pratica.

CONSIGLI PRATICI

Usate innanzitutto acqua depurata, o di fonte. Mettetela in una bottiglia, o
altro contenitore di vetro trasparente, ricopritela con un panno, o foglio
di carta del colore scelto, quindi esponetela ai raggi del sole diretti.
D'estate, può bastare un'ora di esposizione alla luce del mezzogiorno (o
due, o tre, al sole del primo mattino), mentre d'inverno sarà necessario
lasciarla per qualche ora. Lasciatela, quindi, raffreddare e bevetela
durante la giornata. Se la riponete in frigorifero, mantiene i suoi effetti
per almeno tre giorni.

Va ricordato che l'acqua solarizzata con colori all'estremo rosso dello
spettro solare (rosso, arancione, giallo) non deve essere assunta la sera
prima di andare a letto, perché provoca insonnia; al contrario, di quella
impregnata di blu o viola, che va bevuta prima di coricarsi per risolvere
questo disturbo. Quest'ultima, inoltre, modifica leggermente il gusto,
facendovi percepire i cibi più dolci, mentre l'acqua rossa dà ai cibi un
gusto un po' amaro.

E' anche possibile usare il miele, al posto dell'acqua. In questo caso,
bisogna lasciarlo esposto alla luce (solare e lunare) per tre giorni e tre
notti. Il miele trattiene le proprietà dei colori molto più a lungo
dell'acqua, se si ha però l'accortezza di riporlo sempre in un luogo fresco
e buio. Basta assumerne un cucchiaino al giorno.

Inoltre, è possibile solarizzare vari altri tipi di alimenti solidi e
liquidi, nonché usare questo metodo per caricare l'acqua utilizzata per
innaffiare le piante o per gli animali, che otterranno grandi benefici da
questa terapia.

CROMOTERAPIA E FIORI DI BACH

Infine, è possibile associare a questa tecnica cromoterapica l'uso dei
rimedi floreali secondo il metodo di Bach. Sembra anzi che questi due metodi
siano molto "in sintonia", e che producano effetti ancor più duraturi e
profondi quando vengono associati.

Per curare uno squilibrio, dunque, usate il colore più adeguato per
magnetizzare 1 litro d'acqua; quindi aggiungete 10-12 gocce della vostra
miscela di essenze floreali e bevete il tutto con regolarità durante la
giornata.

Se volete avere indicazioni precise sulla correlazione tra i fiori di Bach e
i colori, vi consiglio il libro "Le qualità dell'anima" (Tecniche Nuove, £
54.000), del dottor Ermanno Paolelli, docente universitario e direttore
didattico del Bach Centre italiano, che offre, con l'ausilio di 39 schede
cromatiche, una "guida all'utilizzo attivo dei fiori di Bach, attraverso
l'uso dei colori e delle affermazioni positive".

In esso trovano posto, oltre alle teorie di Edward Bach, anche quelle di
Roberto Assaggioli (sulle parole simbolo e le affermazioni positive, nonché
della cromoterapia, per creare un insieme "sinergico", che coadiuva il
trattamento con le essenze floreali.

I cartoncini colorati con la parola simbolo e l'affermazione positiva sono
oggetti piacevoli e ispiranti, efficaci già di per sé, per il loro forte
impatto visivo, e ve li consigliamo anche se non state seguendo una terapia
con i fiori di Bach.

I COLORI E I LORO POTERI TERAPEUTICI

ROSSO: Energia e vitalità, stimola l'anabolismo, migliora la circolazione,
cura anemie, astenia, ipotensione, stipsi, stanchezza cronica, calo della
libido, raffreddori cronici, stimola la fiducia in se stessi, il coraggio,
l'iniziativa, aiuta a superare depressione, ansia e paura. Controindicato
nell'ipertensione.

ARANCIONE: Controlla la milza, si usa per le infezioni epatiche, bronchiti e
altre patologie polmonari, dolori mestruali, convalescenza post-parto,
calcolosi biliare, incrementa l'appetito, la sensualità, riduce la tendenza
a reprimere emozioni e sentimenti, apre la mente a nuove idee, tolleranza,
vitalità e buon umore. Controindicato in caso di ipertensione.

GIALLO: E' usato in caso di esaurimento nervoso, agisce sulla digestione, il
fegato, l'intestino, è ottimo per la depurazione dell'intero organismo e in
particolare della cute, per lesioni cutanee, eczemi, diabete, ernia,
reumatismi, artriti, carenze di calcio, favorisce l'autocontrollo,
l'equilibrio e l'ottimismo, stimolando il buonumore.

VERDE: Riequilibra la pressione sanguigna, è efficace nelle ulcere, cefalee,
influenza, depura il sangue, disintossica l'organismo, favorisce
l'equilibrio di tutte le funzioni corporee, indicato nelle neoplasie
maligne, calma il sistema nervoso, riduce lo stress, le repressioni
emozionali e le fobie.

BLU: Rallenta l'avanzamento dei processi patologici, ha azione antisettica e
astringente, è indicato in qualsiasi infezione con febbre, infiammazione,
malattia infantile, spasmi, dolori acuti, cefalea, dolori mestruali,
insonnia, produce uno stato di calma e serenità.

VIOLA: Utile nel trattamento di reumatismi, commozioni, neoplasie, disturbi
renali e delle vie urinarie, nelle patologie del sistema nervoso di ordine
fisico, nella tensione nervosa, nevrosi, irrequietezza, contribuisce a
creare un profondo senso di pace e di fiducia.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore