Buon giorno! oggi è Martedì 7 Dicembre 2021 ore 13 : 54 - Visite 1015958 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00964»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: EMMA ROSENBERG COLORNI
TITOLO: PERCHE' CI OFFENDIAMO?
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Perché ci offendiamo?

(Emma Rosenberg Colorni )

Uno degli ostacoli alla comunicazione autentica, e quindi all'incontro
piuttosto che allo scontro, è dato da automatismi che ci spingono ad aderire
all'idea di quello che dovremmo essere piuttosto che alla realtà di quello
che siamo.

L'offesa è un automatismo, condiviso dalla maggior parte delle persone della
nostra cultura, che viene alimentato socialmente dalle organizzazioni
gerarchiche di cui facciamo parte.

Il meccanismo che produce il senso di offesa è molto utile alle
organizzazioni gerarchiche perché, inducendo il conformismo e l'alienazione,
fa guadagnare prevedibilità e controllo delle persone, dunque facilità di
governo.

Come funziona l'offesa? Ci offendiamo quando, per sentirci amabili, ci
obblighiamo a corrispondere a un'immagine di ciò che crediamo di dover
essere.

L'offendersi si basa quindi su un inganno: il credere di essere come ci si
immagina di essere, quando si prende molto sul serio l'idea che si ha di sé.

Questo inganno è uno dei presupposti più nascosti e infidi che vengono
inculcati con l'educazione. Una volta addestrati a conformarci a un'immagine
precisa, ci alieniamo e diventiamo i nostri migliori secondini, punendoci
con il disagio, e con il timore di non essere amati, ogni volta che ci
pensiamo diversi da come crediamo di dover essere.

Quando ci offendiamo rimaniamo chiusi nel dialogo mentale rabbioso e/o
triste del confronto di due immagini di noi (l'immagine di come desideriamo
essere e quella di come temiamo di essere stati) e intanto perdiamo il
contatto con il presente, dunque con la possibilità di soddisfarci
veramente.

Offendendoci con qualcuno, ingaggiamo una lotta per la difesa dell'immagine
in cui ci identifichiamo e intanto ci distraiamo dal perseguire i nostri
veri obiettivi, di volta in volta, nella relazione.

Non appena riconosciamo la natura del meccanismo ingannevole dell'offesa,
possiamo recuperare la libertà di essere noi stessi, e la responsabilità di
esserlo.

Quando riconosciamo che non dobbiamo necessariamente aderire a nessuna
immagine preconfezionata di ciò che dovremmo essere e ci accettiamo
liberamente per ciò che siamo, non abbiamo più bisogno esasperato
dell'apprezzamento altrui e nutriamo la nostra autostima col rispetto per
noi stessi. Che, vedremo, diventa una solida base da cui sviluppare il
rispetto per gli altri.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore