Buona sera! oggi è Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 20 : 50 - Visite 521269 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01062»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: MARCELLA DANON
TITOLO: LA MUSICA... CHE MANDA I BAMBINI A SCUOLA
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

La musica... che manda i bambini a scuola

(di Marcella Danon)

Per continuare l'opera di Audrey Hepburn a favore dei bambini nel mondo, i
suoi figli creano una collana di CD per finanziare un progetto di
alfabetizzazione nelle aree non emergenti del pianeta per 120 milioni di
bambine e bambini.

Dopo il successo, dopo la fama, dopo la ricchezza, a quale traguardo può
aspirare un essere umano? A fare della sua esistenza qualche cosa di utile
agli altri, naturalmente, a mettersi "al servizio della vita", per usare
un'espressione cara al Premio Nobel per la Pace Albert Schweitzer, medico e
famoso concertista d'organo che nel 1939 ha lasciato gli onori per
dedicarsi ai bambini lebbrosi in Africa.

Ma non è necessario arrivare a tanto, e sono sempre di più uomini e donne
famosi che sentono forte l'impulso a usare il carisma conquistato attraverso
la propria attività per sensibilizzare opinione pubblica nei confronti di
cause umanitarie che altrimenti avrebbero rischiato di passare inosservate
all'occhio distratto e ormai iperstimolato della gente.

Un concetto espresso con chiarezza già duemila anni fa da R. Hillel con il
famoso aforisma: "Se non io, chi per me? Se non ora, quando? E, se solo per
me, chi sono io?".

La nota attrice americana Audrey Hepburn ha sentito questo stesso richiamo
e, da leggenda di Hollywood, è diventata ambasciatrice dell'Unicef e fino a
quasi 70 anni ha girato il mondo per sostenere iniziative volte a migliorare
le condizioni dei bambini di tutto il mondo.

Oggi i figli hanno creato la 'The Audrey Hepburn Children's Fund' per
continuare il suo impegno umanitario e, seguendo i passi della madre, si
sono impegnati in un grande progetto per portare istruzione di base a 120
milioni di bambini - e soprattutto bambine, le più discriminate nei paesi
non emergenti - in tutto il mondo.

Per richiamare attenzione, consensi e, soprattutto, fondi, è stata scelta la
musica e, in una collaborazione tra la Fondazione e l'Unicef, verrà
pubblicata e commercializzata una serie di 10 CDs, uno per ogni anno di
avvicinamento all'obiettivo.

Il primo CD, All Children in School, è già in circolazione, distribuito da
Messaggerie Musicali, Fnac e negozi specializzati. Sostenitori attivi del
progetto sono Le Botteghe della Solidarietà e le librerie romane del Gruppo
Arion. Sono sempre più numerosi i circuiti di distribuzione che stanno
aderendo, consapevoli dell'importanza del successo di questo disco per la
crescita e la realizzazione di un progetto di tale portata.

E' la Forrest Hills Records, giovane etichetta discografica italiana, che
cura i Cd, ponendo l'accento sulle tematiche dei diritti dell'infanzia con
brani di denuncia e con suggestioni artistiche che toccano il piano dei
sentimenti.

All Children in School contiene 15 brani messi a disposizione da alcuni dei
più importanti nomi della world music e dai loro marchi discografici ed
editoriali - tra cui Teresa Salgueiro dei "Madredeus", Caetano Veloso e
Susheela Raman - e si conclude con un coro multietnico di bambini,
accompagnati da musicisti e strumenti delle diverse culture, qui assunto a
sigla dell'intero progetto. Dal brano è stato realizzato un videoclip,
girato per le strade del mondo, al centro della campagna promozionale.

Al disco è allegato un booklet di 48 pagine con 21 splendide foto a colori
di Audrey Hepburn, scattate nei suoi viaggi in veste di ambasciatrice
Unicef.

All Children in School non è soltanto strumento di denuncia e di
solidarietà, ma anche messaggio di speranza: un mondo migliore, anche grazie
alla musica, dove i bambini sono al centro dell'attenzione. Mettere al
centro dello sviluppo civile la cultura dei bambini di oggi vuol dire
lavorare per la dignità degli adulti di domani.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore