Buon pomeriggio! oggi è Lunedì 23 Settembre 2019 ore 17 : 30 - Visite 576226 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01084»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ANONIMI
TITOLO: L'IMBARAZZO
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

L'IMBARAZZO

(di Anonimo)

-

Tutte le teorie psicologiche delle emozioni ammettono o sottolineano che le
reazioni emotive hanno una funzione adattativa per l'individuo e per la
specie. In questo senso se alle emozioni considerate fondamentali - quali
felicità, tristezza, paura, rabbia, disgusto - si attribuiscono funzioni e
scopi evolutivi semplici - quali mantenere i legami affettivi con le figure
di attaccamento, segnalare l'esistenza di pericoli, difendersi dagli
attacchi e dalle circostanze pericolose - alle emozioni più complesse si
attribuiscono funzioni maggiormente evolute e connesse alla formazione della
consapevolezza di se stessi e alla regolazione delle proprie relazioni con
gli altri.

Da questo punto di vista, l'imbarazzo è una tipica emozione sociale
fortemente connessa alla percezione che ciascuno di noi ha di se stesso e
delle sue caratteristiche in relazione agli altri.

Posto che l'imbarazzo potrebbe non essere solo un'emozione negativa, in
questo articolo si è cercato di fornire una definizione di questo stato
emotivo, di considerare le situazioni e i motivi che più comunemente
suscitano imbarazzo, di rilevare se ci sono persone che sperimentano questo
stato emotivo più facilmente di altre, di descrivere i correlati
comportamentali e psico-fisiologici di questa emozione e, in ultimo, di
suggerire alcuni accorgimenti per tenerla sotto controllo.

Alcune definizioni

Non è facile fornire una definizione per il termine imbarazzo dal momento
che è stato utilizzato da letterati e studiosi in svariati modi e con
significati abbastanza distanti tra loro. D'Urso (1990) ad esempio, riporta
che il significato primitivo del termine, è quello di «ingombro materiale»
dovuto alla presenza di oggetti voluminosi d'ostacolo a qualche attività. In
epoca più recente compaiono i significati di incombenza, compito sgradevole
oppure preoccupazione e inquietudine. A partire dal secolo scorso si
diffonde l'uso di questo termine nell'accezione di «difficoltà economica»
oppure, in un ambito più legato al corporeo, nell'accezione di peso, o
appunto, imbarazzo di stomaco.

In termini di vissuti emotivi, per imbarazzo si intende uno stato più o meno
intenso e di durata variabile (da pochi secondi a pochi minuti) che si
manifesta esclusivamente in una situazione sociale, caratterizzato da
modificazioni psicofisiologiche e manifestazioni comportamentali esprimenti
disagio.

Perché ci si imbarazza

Tutti gli studiosi, siano essi sociologi, antropologi o psicologi,
concordano nel legare strettamente il vissuto dell'imbarazzo ad eventi che
mettono in crisi l'immagine pubblica dell'individuo e nel connettere tale
vissuto emotivo all'hic et nunc, quindi al presente e al luogo dell'azione:
infatti perché si origini è necessario che sulla scena siano presenti chi si
imbarazza e chi causa o assiste all'imbarazzo (Goffman, 1956; Modigliani,
1968; Edelmann, 1987).

Da questo punto di vista non c'è un imbarazzo privato, né un imbarazzo
prospettivo o retrospettivo (D'Urso, 1990). Un altro punto d'accordo tra gli
studiosi è l'aver rilevato come spesso le situazioni che generano imbarazzo
sono quelle in cui mancano norme esplicite di comportamento, quelle dove non
è ben chiaro quali siano le norme comportamentali più adeguate o socialmente
accettate. Un esempio tipico e quello in cui ci si trova in due in un
ascensore: non si sa mai bene quali atteggiamenti o comportamenti tenere e
questo sovente genera imbarazzo. Un altro modo per dar ragione
dell'imbarazzo
è quello di considerarlo come sanzione per una regola sociale violata o in
pericolo (Modigliani, 1971). Secondo Castelfranchi (1988) invece il nucleo
dell'imbarazzo consisterebbe in una perdita, avvenuta o temuta e comunque
momentanea, della propria «autostima situazionale»: è il caso ad esempio di
una persona in genere agile, che in una particolare circostanza e di fronte
ad altri si è mostrata goffa e impacciata.

Secondo D'Urso e Trentin (1992) le condizioni che normalmente devono essere
presenti perché insorga l'imbarazzo sono:

1) la consapevolezza che un proprio comportamento è regolato (o potrebbe
essere regolato) da norme sociali;

2) la presenza di un pubblico e in particolare il sentire su di sé
l'attenzione
degli altri ;

3) il desiderio di conformarsi alle norme e il timore di infrangerle;

4) l'insicurezza sulle proprie capacità e quindi la paura di perdere la
faccia davanti agli altri.

Quando ci si imbarazza

Quali sono le situazioni nelle quali è più facile imbarazzarsi?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda perché molto dipende da
quali sono i valori, le regole che ciascuno ha e soprattutto dall'immagine
che di noi stessi abbiamo e che desideriamo preservare davanti agli altri.
Tuttavia è possibile individuare alcune situazioni nelle quali più che in
altre è possibile provare imbarazzo. In genere queste situazioni sono
connesse ad un fallimento in pubblico, alla contraddizione fra le richieste
di ruoli diversi, alla perdita del contegno o del controllo del proprio
corpo, all'intimità fisica ed emotiva (Gross e Stone, 1964; Sattler, 1965).
Inoltre esistono situazioni nelle quali siamo imbarazzati per l'imbarazzo di
qualcuno che ci è vicino, oppure circostanze nelle quali noi lo
sperimentiamo al posto di qualcun altro. Altra situazione che spesso genera
imbarazzo è l'essere oggetto di lodi o di attenzione o il venir insigniti di
premi. In questo caso l'imbarazzo si genera non tanto per la situazione di
per sé positiva quanto per il timore o la sensazione di dover subire
ulteriori valutazioni e quindi di non dimostrarsi all'altezza della
situazione.

Cosa ci succede quando siamo imbarazzati?

Le manifestazioni comportamentali tipiche dell'imbarazzo, quali il rossore,
l'irrequietezza motoria, le alterazioni della voce, oltre a segnalare agli
altri lo stato emotivo in cui ci si trova, agiscono come causa ulteriore
d'imbarazzo.
Si tratta di un rinforzo circolare che opera per l'imbarazzo più che per
ogni altra emozione (D'urso e Trentin, 1992).

A livello comportamentale, l'imbarazzo si esprime soprattutto con il
distogliere lo sguardo dall'interlocutore, abbassandolo o deviandolo su
punti dello spazio per nulla interessanti; la postura può essere o
estremamente rigida con pochissimi movimenti o al contrario presentare
movimenti irrequieti di braccia, gambe, mani e continui cambi di posizione.
Inoltre quando ci si sente imbarazzati si mettono in atto dei comportamenti
tesi ad allentare la tensione emotiva, quali toccarsi ripetutamente i
capelli o giocherellare con piccoli oggetti. Anche il linguaggio delle
persone imbarazzate si modifica (Kast e Mahl, 1965). La voce diventa
stridula, con tonalità irregolari, spesso si balbetta o si incespica, il
volume della voce si alza e/o si abbassa rispetto alla propria norma, si
fanno insoliti errori di grammatica, vi sono esitazioni, false partenze,
lunghe pause tra una parola e l'altra. A livello psico-fisiologico il
segnale caratteristico dell'imbarazzo è l'arrossarsi in modo repentino del
viso e del collo fattore dovuto ad una vasodilatazione periferica; il
battito del cuore rallenta (anche se spesso si pensa che aumenti), la
temperatura corporea si innalza o ha degli sbalzi, i vasi sanguigni si
dilatano, aumenta la tensione muscolare, la respirazione si fa irregolare,
si suda di più e la motilità gastrica così come la secchezza delle fauci
aumentano (D'Urso e Trentin, 1992).

Ci sono persone che si imbarazzano più di altre?

In genere si imbarazzano più facilmente le persone che tendono da un lato, a
sopravvalutare l'importanza e la severità del giudizio degli altri,
dall'altro
a sottovalutare le proprie capacità (Edelman, 1987); spesso si tratta di
persone che hanno una forte consapevolezza di sé e del proprio modo di
apparire in pubblico, di persone che hanno livelli di aspirazioni più alti
della media e che presentano una grande capacità empatica. Rispetto alla
facilità con cui ci si imbarazza, non sembra ci siano differenze
significative tra uomini e donne, anche se le donne sembra si imbarazzino
più facilmente per il doversi esibirsi in pubblico e per l'intimità fisica,
mentre gli uomini si imbarazzano di più per questioni legate al proprio
prestigio economico e professionale (D'Urso, Trentin, 1992).

Che fare quando si è in imbarazzo?

D'Urso e Trentin (1992) riportano alcuni accorgimenti da adottare in
situazioni imbarazzanti:

1) se avete fatto una goffaggine piccola e che danneggia solo voi siate i
primi a farla notare e a riderci sopra

2) se avete fatto una goffaggine grossa e che danneggia qualcuno, scusatevi
rapidamente, mettete in chiaro che riparerete e cambiate discorso

3) se siete imbarazzati senza aver fatto nulla, per paura di essere brutti,
poco eleganti, o di balbettare, o non sapere cosa dire, vi si aprono due
strade:

a) quella eroica: dire come vi sentite.

E' consigliabile però in una situazione a due oppure di fronte ad un
pubblico vero e attento ad esempio quello di una conferenza. Da evitare in
situazioni di gruppo informale di persone poco attente

b) quella facile: cercare di mantenere l'autocontrollo, non fare
assolutamente niente, guardare con interesse gli altri, ascoltare, cercare
di capire senza preoccuparsi di dover dire qualcosa, cercare di rendere a se
stessi il più familiare possibile la situazione dal momento che l'imbarazzo
diminuisce quanto più una situazione è familiare e prevedibile

Conclusioni

Sentirsi in imbarazzo non è per nulla piacevole e per quanto possibile si
cerca in ogni modo di evitare occasioni che possano alimentare questo stato
emotivo. Tuttavia, l'imbarazzo rivela ciò che per noi conta, il valore che
attribuiamo agli altri e alle cose. Imbarazzarsi di fronte a qualcuno
significa riconoscergli che per noi è importante, in un certo senso è come
rendere omaggio al nostro interlocutore. In effetti, come sostiene D'Urso
(1990), se l'imbarazzo parla un po' male dell'imbarazzato, parla bene
dell'imbarazzante
o comunque segnala che gli viene attribuito valore e questo, da un certo
punto di vista e in talune circostanze, non può che attribuire un fascino
sottile alla relazione.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore