Buon pomeriggio! oggi è Lunedì 18 Febbraio 2019 ore 15 : 14 - Visite 484243 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01380»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: ASOKA SELVARAJAH
TITOLO: IL VERO SIGNIFICATO DELLA VITA
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

Il vero significato della vita

(di Asoka Selvarajah)

La sfida più grande che ci troviamo ad affrontare nella nostra vita è la
Ricerca del Significato della vita stessa. Qual è il vero senso della vita?
Che cosa siamo qui per fare?

Queste sono grandi domande, e nessuno può pretendere di avere le risposte
per qualcun altro. Come disse una volta Viktor Frankl, è come chiedere al
programma Chess Grandmaster qual è La migliore mossa in assoluto nel gioco
degli scacchi. La risposta è: dipende. Dipende da chi gioca contro chi,
dalla situazione sulla scacchiera, e da una miriade di altri fattori.
Analogamente, le risposte alle grandi domande di cui sopra dipendono dalla
persona che si interroga.

Ciononostante, è di fondamentale importanza cercare le risposte specifiche
che valgono per la vostra vita individuale. Se non trovate il vero
significato della vostra vita, ogni cosa che fate o diventate risulta, in
definitiva, vuota e insoddisfacente. E' necessario quindi trovare le
risposte, indipendentemente da quanto tempo ci voglia per farlo.

Il dottor Frankl di cui sopra, stimato psichiatra, fondò un'intera scuola di
psicoterapia, la Logoterapia, sulla base di quest'idea. Il suo principio
fondamentale è che i numerosi e profondi problemi psicologici che le persone
si trovano a dover affrontare nella società moderna - tra cui diverse
nevrosi - nascono da una mancanza di vero significato nella vita. Cercare il
piacere ed evitare il dolore NON sono gli unici moventi dell'attività umana.
E' piuttosto la Ricerca del Significato ad essere di vitale importanza per
una vita umana sana e soddisfacente.

IL PERICOLO DI UN'ESISTENZA SENZA SIGNIFICATO

Naturalmente, è molto facile sviluppare il senso di una mancanza di
significato nella vita. Viviamo in un mondo sempre più sovrappopolato, dove
la norma è rappresentata dalla competizione per i posti di lavoro, per i
compagni di vita, per la ricchezza e per lo status sociale. L'immensità del
numero di persone che condividono con noi il Pianeta ci sopraffà e ci fa
sentire piccoli. Le innumerevoli moltitudini di persone che soffrono e
muoiono in guerre orribili in tutto il globo ci inviano subliminalmente il
messaggio che il valore della vita umana non è così alto come avevamo
sperato.

Il fatto di venire trattati come mere statistiche dai nostri governi ci
porta a credere di non contare granché. Invece di sviluppare i nostri
talenti personali, unici e irripetibili, fino ai livelli incredibili di cui
siamo davvero capaci, preferiamo continuare a paragonarci agli altri. In
questo modo, non ci preoccupiamo neppure di cominciare a fare quelle cose
che potrebbero portarci davvero tanta gioia.

La maggior parte della gente non sa neppure perché vive, né si preoccupa di
pensarci su troppo. Eppure, in ultima analisi, una vita senza significato è
senz'altro insopportabile. E' per questo che così tante persone muoiono
pochi anni dopo essere andate in pensione. E' per questo che i disoccupati
si sentono terribilmente depressi e privi di valore. Ed è sempre per lo
stesso motivo che individui famosi e incredibilmente ricchi sono
disperatamente infelici.

LA SOTTILE TRAPPOLA DEL FALSO SIGNIFICATO

La Ricerca del Significato è di vitale importanza proprio perché senza di
essa ci si lascia attrarre dai "falsi significati". Se non fate alcuno
sforzo per scoprire il significato della vostra vita individuale, cadete
preda di un vuoto esistenziale proprio al centro del vostro essere.
Esistete, ma non sapete davvero perché. Mentre ogni membro del Regno Animale
conosce lo scopo della sua vita e vi adempie perfettamente, nessuno può
dirvi quale sia lo scopo della vostra esistenza umana, e men che meno come
adempierlo perfettamente.

I vuoti vengono sempre riempiti. Ecco dove subentra il problema del falso
significato. In assenza di un vero scopo e significato della nostra vita, il
vuoto verrà riempito da qualcos'altro. Permettendo questo, acquieterete
quella vocina che vi supplica di cercare la vostra anima. E invece di farlo,
vi terrete occupati con questo falso significato e lo espanderete fino a che
non riempirà tutta la vostra vita. In questo modo, non sentirete più di
dovervi preoccupare del perché esistiate. Vi sentirete più a vostro agio,
almeno per un po'.

Quali sono questi falsi significati? Sono davvero molti e diversi, tanti
quante sono le persone nel mondo. Una persona, per esempio, crea un
significato per la propria vita facendo della mera ricerca della ricchezza
materiale un obiettivo degno di essere perseguito. Comincia allora una
carriera che dà poca soddisfazione, che non è in sintonia con il nucleo
essenziale dell'individuo, e che quindi lo conduce all'infelicità, e persino
alla nevrosi.

Un'altra persona, invece, riempie il vuoto con i rapporti interpersonali, e
con tutti gli obblighi e le responsabilità che ne conseguono. Anche se
questi rapporti risultano frustranti o addirittura nocivi, la persona
passerà da un ciclo di sofferenza ad un altro, proprio perché i rapporti con
gli altri sembrano riempire la mancanza di scopo e di significato nella sua
vita.

Un'altra persona ancora si converte ad una religione fondamentalista che,
rappresentando la vita quotidiana come una battaglia della Luce contro le
Tenebre, dà istantaneamente validità, significato e scopo alla vita del
nuovo zelota.

In effetti, praticamente ogni nuovo importante progetto che intraprendiamo
potrebbe generare un "falso significato", se rifiutiamo di affrontare le
domande fondamentali della nostra esistenza PRIMA di dedicarci a qualsiasi
altra cosa.

Accade dunque che il lavoro che avete faticato tanto per ottenere non vi dà
le soddisfazioni che vi attendevate. Il rapporto in cui credevate così tanto
vi ha spezzato il cuore, nonostante i vostri migliori sforzi. Il grosso
investimento economico che ave fatto non ha dato i frutti sperati. In tutti
questi casi, vi ritrovate allora depressi, avviliti, a chiedervi se la vita
abbia poi davvero un senso.

In molti casi, più che chiedervi cosa sia andato storto nei vostri progetti,
è più importante chiedervi perché abbiate deciso di cimentarvi in essi, e
che cosa speravate di ottenere da essi.

E' soltanto quando vengono integrate in un Piano Generale che tutte le
vostre attività possono risultare coerenti ed avere un senso reale. Se manca
un Piano Generale, allora le nostre attività ne prendono il posto,
risultando fini a se stesse. Sembra che diano un significato alla nostra
vita, ma in realtà non è così. O almeno, gli danno un significato soltanto
parziale. Occupano i nostri pensieri e le nostre azioni, rispondono ai
bisogni di certe parti della nostra psiche, a spese di altre.

E' questa spesso la vera fonte del nostro auto-sabotaggio: il fatto di avere
degli obiettivi che non soddisfano la totalità del nostro essere al livello
più profondo. Quando sacrifichiamo una parte dei legittimi desideri della
nostra psiche a vantaggio di un'altra, creiamo all'interno di noi stessi un
senso di frustrazione, e persino di repressione, che si manifesta in una
mancanza di coerenza interna. Se non tutte le parti del nostro essere
lavorano armoniosamente per raggiungere un obiettivo consapevole, ma anzi
alcune parti operano a detrimento di altre, non può che risultarne, prima o
poi, una condizione di caos interiore. Anche se riusciamo a raggiungere
l'obiettivo prefisso, esso non ci soddisferà.

LA RICERCA DEL SIGNIFICATO

Cosa possiamo fare, allora? La ricerca dell'autentico significato della
nostra vita è un compito immenso. Pertanto, prima cominciamo ad affrontarlo
e meglio è. Significa credere davvero che ci siamo manifestati nel mondo
fisico per uno scopo, uno scopo che soltanto noi possiamo adempiere davvero.
E' perciò necessario dedicarsi a trovare questo scopo.

Nel far questo, possiamo ritrovarci a dover comprendere che la causa della
nostra attuale sofferenza e delle nostre delusioni è rappresentata dal fatto
che abbiamo accettato un falso surrogato al posto del vero scopo della
nostra vita, e ci siamo concentrati su di esso più di ogni altra cosa. Può
essere dunque necessario cercare di vedere nella giusta luce anni o
addirittura decenni di attività che un tempo ci sembravano fondamentali per
la nostra esistenza. Questo potrebbe comportare la necessità di compiere
alcuni sacrifici, come metter fine ad una relazione o lasciare un posto di
lavoro.

Qualunque cosa comporti, la creazione, o il riconoscimento, di un Piano
Generale nella nostra vita è essenziale. Ognuno di noi ha bisogno di sapere
che senso ha la propria vita. Una volta scoperto questo, da ciò scaturiranno
naturalmente attività e progetti in armonia con esso. Troppo spesso, invece,
accade il contrario: cerchiamo il senso della nostra vita in attività
esterne, e poi ci chiediamo perché questa strategia abbia conseguenze così
negative.

In ultima analisi, la Ricerca del Significato richiede che ci assumiamo la
responsabilità della nostra vita, che diventiamo padroni della nostra vita,
invece che limitarci a parteciparvi passivamente. E' necessario riconoscere
che siamo noi stessi a creare la nostra vita, e renderci conto che siamo qui
per uno scopo specifico e unico.

Una volta compreso profondamente questo, possiamo quindi dedicare la nostra
vita alla manifestazione di questo scopo nella realtà quotidiana. E' da qui
che viene il Significato che cerchiamo. E' questo che significa essere
felici.

--

L'AUTORE

Asoka Selvarajah

E' uno scrittore e ricercatore che opera da tempo nei campi dello sviluppo
personale e della spiritualità esoterica. Il suo lavoro aiuta le persone a
raggiungere il loro massimo potenziale, ad approfondire la loro comprensione
della verità mistica, ed a trovare gioia nel perseguimento del vero scopo
spirituale della loro anima. Indiano di origine, attualmente vive e lavora
ad Assisi.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore