Buon giorno! oggi è Domenica 22 Settembre 2019 ore 10 : 44 - Visite 574951 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01428»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: ANONIMI
TITOLO: CHI ERA KRISHNAMURTI?
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

CHI ERA KRISHNAMURTI?

Jiddu Krishnamurti nacque l'11 maggio del 1895 a Madanapalle, un
piccolo paesino presso Madras nell'India sud-orientale, in un umilissimo
contesto.

Di salute cagionevole, da bambino rischiò più volte di morire (alcuni dei
suoi fratelli sono invece deceduti prematuramente) per mancanza di cure
adeguate; ma, sopravvisse sempre, spesso miracolosamente.

Ottavo figlio di dieci (e questo è il motivo del suo nome: anche Sri
Krishna, di cui la madre era una devota, nacque come ottavo figlio), prima
della sua nascita la madre, Sanjeevamma, ebbe una premonizione circa
l'eminenza di questo nascituro; premonizione, peraltro, confermata, subito
dopo la sua nascita, da un famoso e stimato astrologo che ne vaticinò,
appunto, l'estrema grandezza.

A dispetto delle predizioni però, si ravvisò ben presto negli atteggiamenti
del piccolo K. una sorta di "ritardo mentale", che preoccupò molto, sia i
suoi genitori, che il suo primo insegnante, il quale cercò di rimediare
adottando nei confronti del piccolo ogni tipo di provvedimento, fino ad
arrivare ai sistemi più brutali, tipici di quell'epoca; sistemi che peraltro
si rivelarono, inutile dirlo, completamente inutili (si capiranno molto
chiaramente in seguito tutti i reali motivi di questo presunto "ritardo
mentale").

Il suo insegnante, divenuto egli stesso, da anziano, suo grande ammiratore,
rimase sconcertato di fronte alla spaventosa intelligenza del Krishnamurti
adulto, così tanto da non riuscire quasi a credere che fosse proprio lo
stesso Krishnamurti che egli da bambino maltrattò così crudelmente a causa
di quel totale rifiuto nell'apprendere anche le nozioni più elementari.

Ma, tutto faceva parte di un chiaro disegno: la mente del piccolo K. non
doveva essere "corrotta" o "inquinata" da alcuna cultura, né da
pseudo-patrimoni di "conoscenza", che ne avrebbero compromesso il suo ruolo
futuro, proprio a causa del condizionamento che avrebbero inevitabilmente
generato nella sua mente.

Questo aspetto del piccolo K. era accompagnato da un'altra curiosa
particolarità: un esagerato altruismo. Il piccolo K. tendeva a liberarsi di
tutto ciò che aveva, perché non sopportava l'idea che qualcuno avesse meno
cose di lui; per questo, donava agli altri anche quel poco che possedeva.

Questo straordinario altruismo, unito al profondo amore per ogni essere
umano, furono elementi distintivi che lo accompagnarono fino all'ultimo
minuto dell'esistenza in vita (e forse anche oltre, se consideriamo il
delizioso insegnamento che ci ha lasciato come sublime eredità).

Morta la madre, nel 1905, K. si trasferì, pochi anni dopo, con il padre
ormai in pensione ed il resto della famiglia, ad Adyar, luogo in cui dal
1882 si trovava il quartier generale della Società Teosofica (fondata in
America nel 1875 dalla mistica russa Madame Helena Petrovna Blavatsky e da
Henry Steel Olcott).

La Società, in quel periodo (1909), era abilmente guidata dai teosofi Annie
Besant e Charles Webster Leadbeater, entrambi sensitivi. Quest'ultimo non
tardò ad accorgersi della "speciale aura" che risplendeva intorno al piccolo
K., e si convinse ben presto dell'altissimo ruolo a cui K. era destinato.

Colgo l'occasione per ricordare che l'insegnamento teosofico mirerebbe a
ricondurre gli uomini occidentali - ingabbiati rovinosamente nella visione
materialistico-edonistica e nei principi dogmatici - all'antica sapienza.

Il criterio per realizzare questa "ricongiunzione", e per restituire
all'uomo occidentale il "senso perduto", è connesso fondamentalmente alle
dottrine di matrice buddhista.

L'insegnamento avviene principalmente sulla base di rivelazioni che alcuni
grandi Maestri (fra cui Buddha, Krishna e Cristo) trasmettono da una
dimensione spirituale comunemente conosciuta come "Akasha". Tutto il mondo è
in attesa della guida che condurrà l'umanità alla conoscenza della Verità:
il Cristo-Maitreya, di cui Jiddu Krishnamurti sarebbe stato appunto il
tramite.

Anche Annie Besant, che conobbe il piccolo K. solo alcuni mesi più tardi
rispetto a Charles Leadbeater, confermò la rivelazione di quest'ultimo e,
letteralmente travolta da un'ardente devozione per "il prescelto", decise,
con l'incerto benestare del padre di K, Jiddu Narianiah, di farlo adottare
dalla Società Teosofica.

La Besant ritenne necessaria l'adozione anche per sottrarre K., ormai
tredicenne, alla penosa condizione in cui viveva; K. invero rischiava ancora
di morire di stenti.

K. Si rivelò presto un insegnante deciso e inflessibile, e i suoi scritti
difficilmente classificabili nell'alveo delle tradizioni religiose.

Rifiutò, tuttavia, l'immagine di "messia", che gli veniva affibbiata e nel
1929 sciolse la vasta organizzazione che gli era sorta intorno, affermando
che la verità è una "terra senza sentieri", non imprigionata in alcuna
religione, o scelta.

Rifiutò l'appellativo di "guru" e non volle avere discepoli.

Continuò a predicare le trasformazioni della coscienza individuale e a
mettere in guardia contro i condizionamenti religiosi e nazionalisti, in
favore di quell'apertura di quell'"ampio spazio mentale, che racchiude
un'energia inimmaginabile".

Morì nel 1986.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore