Buon giorno! oggi è Lunedì 18 Gennaio 2021 ore 8 : 3 - Visite 819875 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01593»

CLASSIFICAZIONE: 4
TIPOLOGIA: CONGENERE
AUTORE: GUIDO DA TODI
TITOLO: SIDDHI, I POTERI SPIRITUALI, APPARTENGONO SOLO AI SANTI?
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

I POTERI SPIRITUALI (SIDDHI)
APPARTENGONO SOLO AI SANTI?

(di Guido Da Todi)

-

Una delle responsabilità che la vita spirituale inizia a delegare all'uomo è
quella di dovere avvicinare a sé - gradatamente e con buon senso - la natura
delle realtà superiori, e di assimilarne le qualità nella propria sfera
quotidiana e soggettiva.

Cosa vuol dire il concetto:" Fatti a somiglianza di Dio"?..

Di sicuro non si pretende che lo spiritualista debba compiere un balzo
squilibrato ed iniziare ad immaginare (perché solo di immaginazione si
tratterebbe) una propria effettiva santificazione, o una libertà dalle
pesanti catene materiali, da parte sua.

Ma cominciamo ad analizzarne la vita, sul sentiero.

Da quanto tempo egli si sente attratto e segue con passione i codici della
verità metafisica?
Cosa ha imparato dalle sue letture ispirate e dalle sue meditazioni
quotidiane?
Cosa ha messo in pratica, sia dal punto di vista dell'amore all'umanità,
della gentilezza, della simpatia; oppure, quali attenzioni pone alle energie
che emette, e di cui è un indiscutibile creatore?

Pur se l'argomento metafisico contiene rivelazioni che è sinceramente
difficile, o impossibile, riscontrare nell'immediatezza delle nostre logiche
abituali, esso ne propone, comunque, delle altre che sono alla portata di
tutti noi.

Nessuno può affermare che indicazioni come quella del potere della
visualizzazione, della necessità di mutare le condizioni della nostra
esistenza con un atteggiamento costruttivo ed ottimistico costante, del
rifiuto all'odio e alla discriminazione, della ricerca in noi di una
"radiazione rivelatrice del nostro Io Superiore" siano mere illusioni ed
obiettivi al di fuori della nostra portata di mano.

E' proprio possibile che i confratelli più avanzati sul sentiero stiano
sostenendo una costante e faticosa messa in scena inconscia, nel manifestare
una loro più o meno serena padronanza di quel territorio che ancora sembra
tanto ostico e lontano alla vista del ricercatore?

Sovente, l'attardarsi per anni nel rifiuto ad assimilare la teoria delle
rivelazioni trascendentali e nel diniego a sperimentarne i suggerimenti
costanti alla pratica, crea delle zone soggettive interiori di forti
tensioni subconsce e un senso di vuoto esistenziale generale.

Di solito, il mondo privilegiato che il soggetto di cui parliamo crea nella
sua mente come riflesso dei suoi studi e delle sue prime motivazioni è ben
distante dalla realtà quotidiana che egli vive giorno per giorno.

Spesso egli si immagina in colloquio radioso nell'Ashram del proprio Guru,
oppure si compiace nella soddisfazione costante del feticcio dorato delle
sue conoscenze; o comunque si aggira stabilmente tra le vette di un mondo
a lui compiacente, caratterizzato da un atmosfera
indisturbata di forte assenso alle sue azioni.

In rapporto all'obiettivo finale della ricerca spirituale si hanno, spesso,
idee confuse.

E' un dato costante il concetto di che attende la fine di ogni
sforzo sul sentiero.

Ma, cos'è questa libertà?.

Vanno, di conseguenza, indicate alcune sue caratteristiche.

Intanto, la pratica della meditazione, della yoga, dell'introspezione fedele
e benevola verso ogni cosa e verso sé stessi provoca il sottile fenomeno, in
crescita costante, dell'attività radiante e vibratoria del proprio essere.

Questo fenomeno riguarda tutti, nessuno escluso, i sinceri discepoli delle
verità universali.

Che essi si esprimano come dirigenti d'azienda, o come casalinghe, o come
operai, o in qualunque altra attività esistenziale, ognuno di essi
, in minore o maggiore misura, quella caratteristica serenità
di chi è e ne emana il profumo indefinibile.

Purtroppo, quando Patanjali, oppure le Sacre Scritture dei Veda parlarono
dei che sono destinati ad apparire lungo il sentiero vennero male,
o frettolosamente interpretati.

I sono un esteso fenomeno contemporaneo ed imprescindibile allo
sviluppo dell'intera umanità.

Essi rappresentano la vastissima e naturale eredità di tutti noi, non appena
penetriamo in quella dimensione di attività vibrante e radiante del nostro
essere.

E vanno, appunto, dall'intraducibile e soggettiva dei
ricercatori che sperimentano la dilatazione del sé nell'amore all'umanità,
nel riscontro dell'unità delle cose tutte, allo sbalorditivo ed elegante
atto quotidiano di potere cosmico di Sai Baba (l'Incarnazione dell'assoluto
in terra), mentre con il miracolo della creazione.

Come al solito, Vita e Forma si accompagnano, sempre, lungo l'evoluzione
degli universi.

L'energia e la materia, nella loro danza e nei loro intrecci, creano un
caleidoscopio di mutazioni sublimi che costituiscono una caratteristica dell
'uomo, non appena egli si eleva nella consapevolezza vissuta della loro
intercambiabilità.

E', di conseguenza, un'imprescindibile necessità non procrastinabile che il
ricercatore delle cose metafisiche affronti e sperimenti il messaggio che
esse di continuo gli propongono.

Oltre a quella precisa caratteristica che la gente vede nelle
azioni e nella presenza dello spiritualista sincero e devoto, e che
costituisce sempre un benefico influsso globale e rigenerante su tutti
coloro che quest'ultimo avvicina, un altro aspetto di quei siddhi naturali e
primordiali prende a germogliare in lui.

Si tratta dell'ispirata rivelazione di quanto viene solitamente chiamato:
"La Voce del Silenzio" soggettiva.

Un flusso costante di Luce, in rapporto alle buone azioni, allo studio
elevato, alla pratica dell'amore universale dello spiritualista prende a
riscaldargli il cammino ed a caratterizzare le sue scelte e le sue azioni.

E' ovvio che non si tratta di un elemento di fantasia; questo, lo
spiritualista lo sa bene! La in lui è troppo ardente,
oramai, perché possa venire messa in discussione da colui che la ospita.

Solo che ben raramente la modulazione di tanta armonica sublime verrà messa
in evidenza da chi ne è lo strumento, proprio per le qualità di pudore e di
totale impersonalità che ne hanno caratterizzato la faticosa ricerca sino a
quei momenti.
Mano a mano la ben nota, istintiva negazione all'abbandono sperimentale all'
amore, alla natura trascendente universale, alla fede nelle spinte interiori
di una superiore intuizione viene abbandonata.

La mente, che sottilizzava ("uccidendo il Reale") tra i vari monismi e
dualismi, aspetti personali e impersonali di Dio, tra Essere e non Essere,
tra possesso dell'ego e sua distruzione si ammorbidisce e si fonde nella
visione unitaria dell'universo, liquefatta e disciolta da quel lago d'amore
per tutto ciò che esiste.

E tutto ciò avviene, comunque, nella vita , oppure
socialmente dell'uomo e della donna di oggi.

.Siamo entrati nella Nuova Era!

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore