Buon giorno! oggi è Martedì 22 Ottobre 2019 ore 8 : 40 - Visite 596819 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01718»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ANTONIO MERCURIO
TITOLO: L'ESSENZA DELL'ESSERE UMANO
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

L'essenza dell'Essere Umano è costituita da due relazioni. Uno la
relazione con se stesso, e due, la relazione con un Tu, con gli altri
e col mondo.
La qualità di queste due relazioni fa la qualità dell'essere umano.

Un uomo che è posseduto e non si possiede, non è un uomo. Un uomo che
non si possiede non si può donare. Un uomo che non si può donare è
come un seme sterile che inaridisce e muore.

Solo la qualità del mio rapporto con un tu, con gli altri e col mondo,
può dirmi con certezze se io mai mi sono donato a qualcuno, senza
timore che io mi stia costruendo un colossale inganno. Dalla qualità
di questo rapporto dipende la qualità della gioia che io conoscerò
nella mia vita.

La relazione con me stesso la costruisco con la capacità di amarmi.
Questo amore mi fa esistere e mi fa sussistere, libero da legami di
dipendenza che mettono la mia sicurezza fuori di me e non dentro di
me. Quest'amore è quello che mi fa capace di incontrare la morte e
superarla, tutte le volte che bisogna fare un taglio con il passato
che mi possiede; tutte le volte che io metto a fuoco la mia complicità
con la volontà di chi vuole possedermi, e che mi assicura, in cambio
della mia dipendenza, la sua protezione e la sicurezza del suo amore.

Non si può confondere quest'amore per se stesso con l'egoismo.
L'egoismo ha svariate forme.

Una è quella di chi non vuole aprirsi al divenire della vita.

Tutto deve restare immutabile, secondo la propria volontà.

Un'altra è quella di voler dominare la vita degli altri.

Un'altra ancora è quella di donarsi per poi dominare meglio gli altri.

Un'altra è quella che afferma: esisto solo io e gli altri non esistono.

Amarsi vuol dire accettarsi e poi trasformarsi; trasformarsi vuol dire
morire e poi rinascere. L'egoista non rinuncia mai al suo piacere e
non accetta il dolore per conquistare la gioia.

Amarsi vuol dire essere capace di farsi dei doni. L'egoista è solo
capace di farsi dei regali. I regali appagano l'uomo nella sua
materialità. I doni appagano l'uomo nella sua interezza.

Non è possibile confondere l'amore di sè con l'egoismo. Ci sono troppe
differenze.

La capacità di amarsi e la capacità di amare sono come le due braccia
di un uomo. Nessuno accetta volentieri di essere privo dell'uno o
dell'altro braccio.

Solo chi sa amarsi sa come amare.

Chi ha appreso ad amarsi e sa realizzare il suo bene, conosce cos'è
l'amore e sa come realizza re il bene altrui.

Molti pretendono di amare perchè annullano se stessi a tutto vantaggio
dell'altro. Questi non realizzano nè il bene loro nè il bene altrui.
Essi sono preda a una spaventosa avidità di possesso e svuotano
l'amore di ogni suo vero contenuto.

Costoro si rendono conto che il loro amore non produce amore di
ritorno ma lo addebitano all'ingratitudine altrui e non alla loro
falsa qualità di amare.

L'immagine delle due braccia è solo un'analogia. Sul piano della
realtà la ragione mi dice che la capacità di amare è una necessità
intrinseca alla capacità di amarsi. E ciò per due motivi.

Il primo l'ho già accennato quando ho detto che l'uomo che non ama è
un seme sterile che non produce vita. Colui che vuole amarsi veramente
non può gioire di essere come un seme sterile. Egli vorrà sicuramente
giungere alla piena maturazione e questa comporta la realizzazione di
sè come Persona. La realizzazione di sè come Persona si ha solo con la
capacità genuina di donarsi a qualcuno, e dunque di amare. Amare è il
legittimo completamento della capacità di amarsi.

Secondo motivo. Chi si ama con completezza non può limitarsi all'amore
di sè e all'amore verso gli altri. Egli vorrà anche essere riamato.
Vorrà ricevere e non solo dare amore. Come si fa a privarsi del
bisogno di essere amati? E come è possibile ricevere amore se prima
non lo si dà? Il desiderio di essere amati diventa così la molla
potente che porta ad amare autenticamente gli altri, perchè questa è
l'unica strada possibile per ricevere amore. Non tutti rispondono con
amore all'amore che ricevono, questo è vero. Ma è pur vero che nessuno
ama colui che non ama. Nè è amore quello che si dà ai potenti solo
perchè possiedono il potere.

Se mi preme essere riamato da qualcuno, è certo che lo otterrò solo
affinando la mia capacità di amare e non in altro modo. E c'è sempre
da purificare la mia capacità di amare da mille scorie e impurità. Ma
chi ha deciso che l'amore può essere solo disinteressato e mai
interessato, costui castra il suo desiderio di essere riamato e perde
così lo stimolo a purificare sempre il suo amore e a renderlo sempre
più forte ed efficace.

Ugualmente chi ha deciso che la ricompensa del suo amore lo avrà nei
cieli, non si curerà più che questo avvenga sulla terra e perde così,
per sempre, la capacità di verificare se egli ha amato veramente
oppure no. Perde lo stimolo a far uscire gli altri dal loro egoismo e
a renderli veramente capaci di amare a loro volta. In conclusione si
ha un'altra affermazione di narcisismo. Quel che conta è che io sia
buono, che importa se gli altri non sanno amare?

Ma così si diventa complici dell'egoismo altrui, così cresce solo il
sado-masochismo, ma non cresco nè io nè crescono gli altri.

Quanto serve questo al bene dell'umanità?

Noi ci siamo abituati a una società fatta di pochi santi e di molti
peccatori. Dal mio punto di vista anche questa è una società ingiusta.
Vorrei che la mia vita fosse un contributo alla costruzione di una
società fatta di Persone e non di santi e di peccatori.

Dopo questa lunga premessa posso enunciare qual'è la mia definizione
di un uomo come Persona. La Persona è:

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore