Buona sera! oggi è Lunedì 23 Settembre 2019 ore 18 : 13 - Visite 576293 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «01877»

CLASSIFICAZIONE: 5
TIPOLOGIA: AFFINE
AUTORE: ANNALISA ANTODICOLA
TITOLO: LA FARMACIA NATURALE IN CUCINA
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

La farmacia naturale in cucina

- Cereali & Legumi -

DI: Annalisa Antodicola

Da sempre e ovunque sia possibile praticare l'agricoltura, l'alimentazione
sana e naturale dell'umanità si basa sui cereali ed i legumi. I primi
rappresentano la nostra fonte primaria di carboidrati, quindi di energia,
mentre i secondi ci offrono le proteine necessarie alla crescita e al
rinnovamento delle cellule e dei tessuti.

Assunti durante lo stesso pasto (anche se ora si è dimostrato che è
sufficiente assumerli durante la stessa giornata perché si combinino le loro
proprietà), cereali e legumi costituiscono un "team" perfetto, che ci offre
tutti gli aminoacidi essenziali all'organismo, le fibre, i minerali e le
vitamine che ci mantengono in perfetta forma.

Quindi, la dispensa di chi si nutre in modo naturale e consapevole non deve
mai essere sfornita dei cereali e dei legumi più comuni e ricchi di virtù:
riso, grano, orzo, avena, mais, miglio, e poi fagioli, lenticchie, ceci,
piselli, fave, soia gialla, rossa, verde.

LE PROPRIETA' TERAPEUTICHE DEI CEREALI...

Vediamo, innanzitutto, brevemente, le proprietà terapeutiche dei cereali
integrali e dei legumi principali, quando vengono assunti
nell'alimentazione, perché il loro consumo moderato, ma regolare, assicura
grandi vantaggi per la nostra salute.

Il RISO è uno dei cereali più consumati al mondo, base della dieta dei
popoli orientali, tant'è che in Asia è considerato sacro ed è simbolo di
felicità e di prosperità materiale e spirituale. E' un ottimo rimedio contro
l'ipertensione, equilibra l'intero sistema digestivo e calma il sistema
nervoso (si ritiene che, nutrendosene, si sviluppi l'umiltà e la gentilezza
d'animo). Le zuppe di riso sono l'ideale durante la convalescenza, nelle
forme febbrili, per l'ulcera, la colite, per l'enterite (la pappa di riso è
un valido astringente), i calcoli renali.

Il GRANO è usato sia sotto forma di grani, ma soprattutto di farina; quindi,
come pasta e pane, il quale costituisce uno dei più potenti simboli dell'amo
re umano e divino. Il grano stimola la purificazione del fegato, è
rinfrescante e antinfiammatorio. E' ricco di fosfato di calcio, per cui è di
grande aiuto nella convalescenza, nel rachitismo, in menopausa, gravidanza e
allattamento, esaurimento nervoso, neurastenia.

L'ORZO è uno dei cereali più antichi, è ricco di minerali e di vitamine. E'
noto il suo straordinario effetto rinfrescante e antiinfiammatorio, e se
viene tostato un po' in pentola prima di essere cotto, si trasforma da cibo
acido in alcalino. Il suo consumo è consigliato a chi è molto debole,
convalescente, soffre di gastrite o enterite, nefrite, uricemia,
intossicazione, orticaria, gotta.

L'AVENA è il cereale tipico delle regioni fredde del mondo. E' molto
nutriente e riscaldante, la sua crusca abbassa i livelli di colesterolo LDL
nel sangue, è ricchissima di ferro (più delle lenticchie) e di fosfati.
Ottima durante i periodi di maternità, di svezzamento e di pubertà.

Il MAIS ha un effetto tonico sul corpo. E' privo di glutine, è indicato
nelle malattie cardiache, nutre il sistema nervoso ed il cervello, rafforza
muscoli ed ossa. E' ricchissimo di minerali, tra cui fosforo, potassio e
magnesio.

Infine, il MIGLIO, anch'esso privo di glutine, è indicato a chi ha problemi
di digestione, perché ha un effetto lenitivo e rinfrescante sul sistema
digerente. E' ricco di vitamine e di minerali, tra cui il silicio. Aiuta
l'organismo nell'eliminazione e nella depurazione.

... E QUELLE DEI LEGUMI

Per passare ai legumi, i FAGIOLI (con qualche variazione a seconda della
specie) sono ottimi ricostituenti, ideali, per il loro elevato contenuto di
minerali, in caso di anemia, dispepsia, stitichezza, uricemia e gotta.

Le LENTICCHIE, originarie del Sudovest asiatico, sono molto digeribili
(contenendo poca cellulosa), quindi adatti a dispeptici e convalescenti,
sono ricche di minerali tra cui ferro, fosforo, selenio, manganese e di
vitamine, per cui risultano molto nutrienti ma leggere.

I PISELLI freschi sono ricchi di materie minerali alcaline, che quindi
aumentano l'alcalinità del nostro sangue. Sempre freschi, e non secchi, sono
indicati per i disturbi di fegato, i calcoli biliari, il diabete, la gotta,
l'enterite.

Infine, la SOIA, ricchissima di proteine di buon valore biologico, offre
anche albumina vegetale, minerali, vitamine (tra cui la B12, quando è
fermentata). Utilissima per i vegetariani, per le donne soprattutto in
menopausa (è ricca di fitoestrogeni, che proteggono anche dai tumori
femminili), per chi soffre di artrite e di uricemia.

RIMEDI CASALINGHI A BASE DI CEREALI E LEGUMI

Ed ora, vediamo quali sono i poteri di guarigione di cereali e legumi, non
all'interno della dieta, bensì come rimedi casalinghi per vari e comuni
disturbi.

GRANO

- Sotto forma di pane fresco, come cataplasma, blocca le emorragie grazie al
suo potere emostatico.

- Per guarire dolorosi foruncoli, preparate un cataplasma togliendo la
crosta al pane, e facendo sobbollire per qualche minuto la mollica in una
padella con un po' d'acqua. Applicate il cataplasma caldo.

- Un cataplasma freddo di pane è ideale per calmare l'infiammazione e il
prurito agli occhi in caso di congiuntivite.

RISO

- In caso di ascesso ad un dente, applicate sulla guancia un cataplasma di
riso, preparato facendo strabollire il riso finché diviene una pappa
mucillaginosa e mettendolo ancora caldo in una garza pulita.

- Per combattere la pelle arrossata e infiammata, anche nei bambini, gli
eritemi e gli eczemi, applicare sulle parti colpite la farina di riso molto
fine, come talco.

ORZO

- L'acqua d'orzo, che si prepara bollendo per 1 ora, in 1 litro d'acqua, 2
manciate di orzo perlato e lavato in acqua fredda, aggiungendo acqua
bollente man mano che quella del decotto evapora, quindi filtrandola bene,
calma la tosse secca e stizzosa.

- In caso di raffreddore, l'acqua d'orzo con limone e miele ne abbrevia la
durata e ne allevia i sintomi.

- L' orzo cotto in minestra o l'acqua d'orzo sono un ottimo rimedio sia
contro la diarrea, sia per la stipsi.

- Per guarire le infiammazioni cutanee, fate un cataplasma con farina d'orzo
e acqua.

- Sempre l'acqua d'orzo è indicata contro la cistite, le coliche e la
flatulenza.

AVENA

- Per combattere la stipsi, mangiate fiocchi d'avena crudi (magari sotto
forma di muesli, con yogurt).

- Come ottimo tonico per i nervi, fate bollire un cucchiaio di avena in 300
ml di acqua per 20 minuti. Scolate e bevete.

- Un bagno di farina d'avena allevia il prurito e guarisce l'eczema.

- In caso di dolori lombosacrali improvvisi (come nel doloroso "colpo della
strega"), un rapido sollievo può essere rappresentato dall'applicazione di
un cataplasma fatto con 2 manciate di farina d'avena bollita per qualche
minuto in un po' d'aceto.

LENTICCHIE

- Secondo un'antica prescrizione di Galeno, bere il decotto di lenticchie (2
manciate fatte bollire per 1 ora in 1 litro d'acqua) è utile in caso di
dissenteria e di emorroidi.

- Un impacco di lenticchie fatte bollire a lungo in acqua finché risultano
una densa pappa è un metodo molto amato in India per curare e nutrire i
capelli, utile anche in caso di forfora e caduta.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore