Buona sera! oggi è Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 20 : 48 - Visite 521254 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataEsoterismo-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « DIZIONARIO ESOTERICO »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

DIZIONARIO ESOTERICO SCHEDA N. «01105»

TERMINE: KIPLING RUDYARD
DEFINIZIONE:

Scrittore inglese (1865-1936). Figlio del sovrintendente al museo di Lahore, nel Punjab (India), dopo l’infanzia e l’adolescenza trascorse in Inghilterra, visse dieci anni in India come giornalista (1882-1892). Esordì con avvincenti schizzi impressionistici di vita indiana, stilisticamente concisi fino a rischiare di apparire oscuri. Le opere successive, di maggior respiro, non raggiungono la stessa intensità narrativa, ma dispiegano vivissime qualità di immaginazione ed un esuberante senso del pittoresco (Il libro della giungla, 1894; Il secondo libro della giungla, 1895; Kim, 1901). La vastissima produzione di K. comprende anche tre volumi di liriche (Ballate di caserma, 1892; I sette mari, 1896; Le cinque nazioni, 1903), che esaltano la missione del popolo inglese, secondo la visione imperialistica dello scrittore, apportatore di civiltà alle razze "inferiori". Nel 1907 K. fu insignito del premio Nobel per la letteratura. Era stato iniziato alla Massoneria nel 1886, presso la Loggia Hope and Perseverance di Lahore, con dispensa speciale non avendo ancora compiuto i ventuno anni d’età, e venne immediatamente elevato al Grado di Maestro, e nominato Segretario di Loggia. L’anno successivo K. ricevette il grado del Mark Master e, nel 1888, quello di Royal Ark Mariner. Al ritorno in Inghilterra fu tra i membri fondatori delle Logge Builders of the Silent Cities n. 4948, ed Authors n. 3456. La storica Loggia Canongate Kilwinning n. 2 di Edinburgo lo nominò "poeta-letterato". Molta della produzione di K. è orientata in senso massonico. Oltre che in poesie note, come Mother Lodge (v. Loggia Madre), composta durante una permanenza nel Vermont (U.S.A.), e The Widow at Windsor (La vedova di Windsor), K scrisse anche vari racconti, quali The Man who wound be King (L’uomo che volle essere re) e In the interest of the Brethren (Nell’interesse dei Fratelli). Ma troviamo motivi massonici disseminati nell’intera sua produzione, come per esempio in Kim. Robin Carr, scrittore e critico letterario massone, scrisse che "Il fratello K., nel suo racconto "L’uomo che volle essere re", narra la storia di due avventurieri, ambientata nell’India coloniale. I due, soldati inglesi, raggiungono l’impervio Kafiristan per fondarvi un regno, modellato sul governo di una Loggia, per sfruttare l’autorità sacrale delle usanze massoniche e così tenere meglio in pugno le popolazioni indigene. I due però scopriranno che l’Arte Reale ed i suoi simboli sono già noti lì, e dopo burrascose vicende uno dei due, il "capo", verrà decapitato, mentre l’altro riuscirà a fuggire portando con sé il cranio del compare e la propria folla. Il racconto è visibilmente didascalico. Esso dissuade dall’uso della Massoneria come potere in quanto incompatibili tra loro, e ricorda che essa è universale, per cui i Fratelli devono sempre incontrarsi sulla "Livella".

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore