Buon giorno! oggi è Martedì 14 Luglio 2020 ore 4 : 33 - Visite 709198 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataYoga-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « ARCHIVIO ARTICOLI »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

SCHEDA ARTICOLO N. «00102»

CLASSIFICAZIONE: 1
TIPOLOGIA: ESOTERISMO
AUTORE: DIZIONARIO ESOTERICO
TITOLO: BAPHOMET
SPAZIATORE bianco

TESTO ARTICOLO

BAPHOMET.

Baphomet è l'emblema dei Templari (1). Segno di riconoscimento dei 'poveri soldati del Tempio', è anche l'immagine sintetica di tutta la loro scienza e la loro tradizione. E' difficile descrivere Baphomet. Ha l'aspetto esteriore di un animale dalla forma grossolana e mal determinata. Simile al caprone per le corna, ricorda anche Satana. Per tale ragione l'ordine è stato accusato di sodomia, di culto demoniaco.
In realtà, a noi sembra che la raffigurazione esterna intenda falsare la presenza, pur tuttavia indubbia, dei simboli, sviando l'attenzione del profano. La testa di capro rappresenta un triangolo con la punta rivolta verso il basso, segno del potere dello spirito creatore. Il naso ha la struttura di un triangolo, inscritto nel viso, più piccolo del precedente, con la punta rivolta verso l'alto: indica la risalita iniziatica della creatura che ha in sé la scintilla divina. Le due corna situate sulla base del triangolo maggiore rappresentano l'autorità e il potere. Mosè che discende dalla montagna le porta sulla fronte. Esse corrispondono alle lettere della parola HINRI, che si fondono in un segno che ricorda la H; sono le lettere che furono incise sulla croce, sopra la testa di Gesù. Ai due lati del triangolo più piccolo si trovano, al posto degli occhi, la falce lunare a sinistra e il cerchio solare a destra; entrambi riportano la scienza ai suoi due principi, maschile e femminile. Il Graal, come l'Eucarestia, si rifà a quella tradizione iniziatica che ha quale sommo sacerdote Melchisedeck e quali sacrificatori Abramo e Gesù. Entrambi sacrificano a Dio la loro interiorità più profonda. L'unione simbolica del pane e del vino, dell'acqua (triangolo più grande) e del fuoco (triangolo più piccolo), della carne e del sangue, giustificano l'accostamento di Abramo e di Cristo, l'incontro di due confessioni, l'Islam e il Cristianesimo. La persona del Figlio è sacrificata o essa stessa si sacrifica per il culto di Dio. Il Baphomet e la ricerca del Graal rappresentano quindi due percorsi iniziatici, se non identici, almeno convergenti. Del resto non sussistono dubbi sull'identificazione dell'Ordine del Graal con quello Templare nel "Parsifal". Trévizent dice a Parsifal: "Dei valorosi cavalieri hanno la loro dimora a Montsalvage, ove si conserva il Graal. Sono i Templari ("die selben Templeise"); essi si recano spesso a cavalcare lontano, in cerca di avventura... Essi vivono di una Pietra ("sie leben von einem Steine"); la sua essenza è la purezza.... Viene chiamata "lapsit excillis"" (2).
Questa pietra cubica si trova sotto il Baphomet. La barba congiunge la testa alla pietra, segno della materializzazione di quanto è in alto. La pietra stessa, inoltre, poggia su un globo: la terra. L'obiettivo dell'ordine è qui indicato nella stessa unità dei livelli dell'iniziazione. Si tratta di conquistare il Tempio; ma questo Tempio è l'uomo interiore, rigenerato, androgino e unito a Dio. L'associazione di simboli quali il cubo, la sfera, il sole, la luna e i triangoli ricorda le consegne di Michael Maer per la Grande Opera: "Dell'uomo e della donna fai un cerchio, poi un quadrato, poi un triangolo, infine un cerchio, e avrai la pietra" (3).
Ciò autorizza un'interpretazione alchemica del Baphomet. Fulcanelli la svela attraverso l'analisi dello stesso nome, operata mediante la cabala fonetica (4). Baphomet deriva dalle radici greche "bapheus" (tintore) e "mes" al posto di "men", (la luna; a meno che si pensi a "metér", genitivo "metrós", madre o matrice). "La luna è veracemente la madre o matrice mercuriale che riceve la tintura o semenza dello Zolfo, che rappresenta il maschio, il tintore - "bapheus" - nella generazione metallica." Se si prendono in considerazione la parola greca "bapheus", tintore, e il verbo latino "meto", raccolgo, si arriva alla stessa idea, che attribuisce alla 'luna dei saggi' la proprietà di "captare, via via che viene emessa, e ciò durante l'immersione o il bagno del re, la tintura che esso rilascia e che la madre conserverà nel suo seno per tutto il tempo necessario. E' questo il Graal, che contiene il vino eucaristico, liquore del fuoco spirituale, liquore vegetativo, vivente e vivificante, introdotto nelle cose materiali" (5).
Il Baphomet contiene anche l'indizio di un battesimo iniziatico (6), il 'battesimo simbolico di Metè'. Si tratta del battesimo esoterico dei Templari, analogo al battesimo della luce dei Framassoni. Mete è la divinità androgina che raffigura la "Natura naturans", la "Natura germinans", "dio ermafrodito degli adoratori del Serpente" di cui parla Proclo a proposito di Metis. Pierre Dujols ne conclude: "... il Baphomet era l'espressione pagana di Pan" (7). Il battesimo iniziatico, come il bagno alchemico, sono quindi due traduzioni dell'esigenza di purificazione che porta alla coscienza chiarificata della Scienza Sacra. Una scienza di cui il Baphomet è, al tempo stesso, un compendio e una chiave (8).

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore