Buona sera! oggi è Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 21 : 49 - Visite 521308 -

BENVENUTI SUL SITO WWW.ECROS.IT
Logo di Ecros.it con scritta a fuoco
divisore giallo animato
TestataEsoterismo-510x151.jpg
MENU NAVIGAZIONE
SPAZIATORE bianco
Lineablu

SEZIONE: « DIZIONARIO ESOTERICO »

Lineablu
SPAZIATORE bianco

DIZIONARIO ESOTERICO SCHEDA N. «01109»

TERMINE: KREMMERZ GIULIANO
DEFINIZIONE:

Al secolo Ciro Formisano, nacque a Portici (Na) l'8 aprile 1861, da una famiglia della piccola borghesia. Indirizzato agli studi classici, sin dall'adolescenza manifesto' un irresistibile amore per l'umanesimo e per le ricerche parapsicologiche, che ai suoi tempi si identificavano quasi del tutto con lo Spiritismo, dimostrando grande attitudine di scrittore, che lo condusse a scrivere il primo articolo letterario all'età di soli 19 anni. Suo maestro e guida spirituale fu l'occultista ed amico di famiglia Pasquale De Servis, uomo dotato di eccezionali poteri di guaritore, destinato a svolgere un'influenza decisiva sulla sua formazione iniziatica ed ermetica. Dopo la morte del padre, Ciro Formisano, non ancora diciottenne, spirito libero e attratto dal fascino dell'avventura, emigro' per la prima volta in Argentina, centro di Spiritismo e terra aperta ad ogni nuova idea, dove completo' i suoi studi, laureandosi in Medicina. Dopo qualche anno, ritornato in patria, fu testimone con il De Servis della terribile epidemia di colera, che nel 1884 decimo' la popolazione di Napoli, maturando la fervida convinzione che i poteri della mente, sviluppati con le pratiche dell'Ermetismo, dovessero essere posti al servizio dell'umanità, per liberarla dai mali non ancora dominabili con la medicina tradizionale. Sposatosi con Anna Beato, ebbe tre figli, un maschio e due femmine, ma dopo la morte del suo maestro fu spinto a tornare in Argentina, dove aveva ancora amicizie e relazioni d'affari. Questo secondo soggiorno in sud America, che può fissarsi tra il 1888 ed il 1895, gli frutto' grandi ricchezze, sia per la sua attività di medico e di guaritore, che per alcuni fortunati investimenti, che gli permisero di rientrare in Italia con una grossa fortuna, generosamente utilizzata per le sue disinteressate imprese. In Argentina Ciro Formisano condusse vita avventurosa, traversando regioni ancora selvagge e trovandosi persino compromesso in eventi rivoluzionari, che lo spinsero alla fuga, costringendolo a riparare in Bolivia per sottrarsi alla fucilazione. Rientrato definitivamente in Europa, visse in Italia tra il 1895 ed il 1912, soggiornando preferibilmente a Napoli e a Bari, città nella quale avevano trovato marito le sue figlie. Fu a Bari che condusse i suoi primi esperimenti terapeutici con la Catena Terapeutica di Miriam, così denominata in omaggio alla tradizione cabalistica, fondando l'Accademia Pitagora destinata a divenire, negli anni successivi, il centro propulsore del suo insegnamento Alla fine però, ammalatosi gravemente il suo unico figlio, abbandonò l'Italia trasferendosi con la famiglia nel Principato di Monaco, a Beausoleil, dove visse vita ritirata proseguendo la sua opera di medico e mantenendo fitti rapporti di corrispondenza con molti amici e discepoli. Morì il 7 maggio 1930 per embolia cerebrale, spegnendosi dolcemente durante il sonno. Ciro Formisano era un uomo di bella presenza. Non alto, robusto, di costituzione forte ed energica, non perse mai la tipica cadenza napoletana e l'innato ottimismo, specie nell'ascenso spirituale dell'uomo. Di carattere dolce ed equilibrato, sottilmente ironico e spesso scherzoso, celava una profonda conoscenza della psiche e dell'anima umana. Dotato di profonda cultura umanistica e mitologica, discorreva di filosofia col sereno distacco e la convinzione di chi ha raggiunto le sue certezze, specie sulla sopravvivenza dopo la morte e sulla reincarnazione. Animo nobile e coraggioso non esitò, già anziano, a salvare una donna che stava per essere travolta da un'automobile, riportando una grave frattura alla spalla, che lo impacciò nello scrivere per il resto della vita. Con lo pseudonimo di Giuliano Kremmerz, Ciro Formisano scrisse prevalentemente per Riviste di Esoterismo. Fra il 1897 ed il 1899 si dedicò alla stesura del "Mondo Secreto", periodico di Occultismo nel quale illustrò, con mirabile chiarezza, le basi della filosofia ermetica. Tra il 1911 e ed il 1912 collaborò al "Commentarium" ed alla Rivista napoletana "Il Mondo Occulto". Prima del 1904, compose l'operetta "La Porta Ermetica" e i nove "Dialoghi", di cui i due ultimi furono pubblicati postumi. Tra le Opere minori, vanno ricordate "Angeli e Demoni dell'Amore", "Cristo, la Magia e il Diavolo", "I Tarocchi", "Medicina Dei" e vari appunti di Opere non compiute o appena tratteggiate, come il libro "Delle Stelle e dei Soli", di cui un brano riportò in una nota marginale del "Mondo Secreto". Le Opere di Giuliano Kremmerz furono raccolte nel volume "Avviamento alla Scienza dei Magi" e nel compendio "Opera Omnia". Tra le numerose edizioni, da ricordare la "Scienza dei Magi", edita dalle Edizioni Mediterranee di Roma.

SPAZIATORE bianco

Manina indica Giù Spaziatore Manina indica Giù
Spaziatore